Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

La soia: nel dolcetto con il cacao e lo zenzero candito


Enrica è partita con un tre amiche per Barcellona: qualche giorno di "soloragazze", indubbiamente carine, poliglotte e multi-interesse, che trascorreranno l'ultima notte in un ostello acquatico, una casetta galleggiante...come tra i canali di Amsterdam....Che dite? Beh, si, veramente l'Ambasciata Italiana in terra di Spagna l'avevo già allertata. Mia figlia è nata 4 giorni dopo la caduta del muro di Berlino: vorrà pur dire qualcosa...:-)
Edoardo è rimasto a casa solo, nel senso, senza nessuno da prendere in giro e dal quale essere dolcemente tiranneggiato....e non credo sua sorella riuscirà a prendere la maglietta ufficiale del Barca....urge comfort food, dunque: cosa di meglio del cioccolato? Ma siccome sono entrata a piè pari nell'idea di cucina del ben-essere ecco una variazione tutta no-glutine.
DOLCETTI CON FARINA DI SOIA, RISO, CACAO E ZENZERO CANDITO
100 gr di zucchero aromatizzato con vaniglia
50 gr di miele biologico ai fiori d'arancia
125 gr di farina di soia
125 gr di farina di riso
1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
1/2 bustina di lievito
4 cucchiai di latte crudo
2 uova grandi
80 gr di burro chiarificato morbido
130 gr di yogurt Muller
40 gr di zenzero candio
40 gr di gocce di cioccolato fondente
un pizzico di sale
Nella planetaria montare le uova con lo zucchero, aggiungere le farine setacciate con il lievito ed il pizzico di sale, il burro morbido, lo yogurt ed il latte (un cucchiaio alla volta anche per verificare la consistenza dell'impasto che deve risultare morbido, quasi vellutato).
Aggiungere lo zenzero e le gocce di cioccolato fondente leggermente infarinati.
Rivestire lo stampo da muffin con i pirottini e mettere nel forno statico per 30-35 minuti (o comunque a completa cottura) a 190°.
Far raffreddare sopra una gratella e spolverare di zucchero a velo.

E - Mamma, la panna l'ho già tirata fuori dal frigo!
M - Vuoi che proviamo a conservarne uno per tua sorella?
E - Magari le mandiamo una foto. :-)

10 ingredienti:

  1. ma che belli! li segno da provare sicuramente!

    nb: nel blog di pandipanna
    http://pandipanna.blogspot.com/2009/10/muffins-mania.html
    ha appena indetto una raccolta dei muffin..se ti può interessare trovi tutto nel suo blog!
    ciao ciao

    RispondiElimina
  2. Ottimi e davvero confortanti soprattutto per chi come me è celiaco!!!!!!! Ha ragione tuo figlio: solo la foto basta... d'altrocanto la sorella è partita!

    RispondiElimina
  3. hanno un bellissimo aspetto! non ho mai provato la farina di soia, dev'essere buona.

    RispondiElimina
  4. Ti riscrivo perché ho un premio per te, tanto speciale per me!
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  5. @ Grazie Federica, anche della segnalazione!

    @ La sorella è tornata e mi ha portato un libro bellissimo...di ricette spagnole un po' rivisitate da un genio locale...aspettatevi tapas a nastro!

    @ Esatto! Sono da provare e ti assicuro che ci si mette di più a scrivere la ricetta che a cucinarli!

    @ Micaela: la farina di soia è diversa d'aspetto e di "corpo" rispetto alle farine alle quali siamo abituate. Bisogna fare un po' di prove, sia per le ricette salate che per quelle dolci. Un vantaggio: è altamente proteica.

    @ Ti sono venuta a ringraziare di persona: grazie ancora!

    RispondiElimina
  6. Ciao sono Maura. Sul mio blog ho appena postato una ricetta che ti ho "rubato" qualche giorno fa. Spero non ti dispiaccia. Il risultato e' stato ottimo e ti ringrazio tanto. A presto!

    RispondiElimina
  7. tenerissima la relazione ambivalente tra fratello e sorella...e deliziosamente invitanti questi dolcetti "scaccia-solitudine"! un caro saluto e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. @ Maurina ma è bellissimo! E cosa me ne faccio della mia passione se non la condivido? Non mia piacciono gli avari: finiscono per essere solo i più ricchi del cimitero. Grazie di essere passata a trovarmi! A presto.

    @ Irene, hai ragione! Hanno 7 anni di differenza ma sono molto legati. Edoardo l'ha sempre adorata ed Enrica, brontolando, ha sopportato molto, perfino le incursioni di lui nella sua camera, gattonante, da dove ne usciva, sempre gattonando, con la Barbie di turno nuda ed in bocca, modello preda da mangiare!!! Pensa che l'altro giorno mi ha comunicato, lei grande appassionata di discoteca, che se mai Edoardo vorrà andarci l'acccompagnerà lei "perchè mamma, tu verresti sgammata subito ed io mi accorgerei immediatamente se qualcuno si avvicinasse con intenzioni poco chiare... e dopo lo sistemerei io, da fargli passare la voglia per il futuro".

    RispondiElimina
  9. Ciao! Ho organizzato la mia prima raccolta di ricette, mi farebbe molto piacere una tua partecipazione! Trovi il regolamento a questo indirizzo: http://nellacucinadimartina.giallozafferano.it/2009/10/raccolta-di-ricette-con-le-dita-nel-barattolo.html
    Alla fine ci saranno premi per tre ricette e la raccolta sarà pubblicata in formato pdf e disponibile gratuitamente per tutti! Se ti va ti aspetto! Un abbraccio…..Martina.

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!