Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Piacere, Voiello. Ma il piacere è tutto mio!

Il piatto del piacere Voiello: Calamari al nero di seppia con scampi, zucchine e guanciale croccanti



In cucina ci si diverte sempre...


Lo staff: professionalità e simpatia!


Sarò anche stata lo chef...ma ho lavorato come un commis! :-)


...adoro questa foto... mi sembra l'aspetto onirico della cucina.

Sicuramente saprete dell'iniziativa del Piacere Voiello nel cui blog, da qualche tempo a questa parte, copiose sono giunte gustosissime ricette che moltissimi foodblogger hanno inviato a dimostrazione di una interpretazione personale, intima del concetto del piacere in cucina.
Il bello della cucina è condividere: a tavola e, prima che ciò avvenga, ai fornelli. E perchè non portare in giro per l'Italia ciò che i cultori dell'enogastronomia, e Voiello come produtore di eccellenze, intendono per Piacere?
E quindi, alle riuscitisse e gustosissime 4 tappe del piacere, ne n'è aggiunta una quinta, inaspettata: il Veneto e nello specifico Sottomarina di Chioggia dove 5 foodblogger hanno condiviso la loro personalissima ricetta del piacere in uno dei templi della Scuola di cucina: L'Etoile di Boscolo. Tra questi appassionati c'ero anch'io....emozionatissima (lo sapete che sono timida e più parlo più sono emozionata!) nel cucinare la ricetta che avevo proposto e supportata da ragazze e ragazzi dei team Voiello e Boscolo che hanno condiviso questa serata così emozionante e che resterà sempre nel mio cuore.
Grazie ancora a tutti. :-)


Ingredienti
1 conf. di Calamari Voiello
4 scampi interi per la decorazione del piatto, una ventina puliti
1 cucchiaio di nero di seppia
una fettina 100 gr. di guanciale
1 zucchinea (solo la parte verde) e qualche foglia di menta
mezzo bicchiere di vino bianco e 4 cucchiai di passata Voiello
500 gr di pomodori datterini
olio extravergine, aglio, sale e pepe macinati al momento
fumetto di pesce o meglio ancora bisque

Procedimento
Mettere i pomodorini in una pirofila con un po' d'olio, una macinata di sale, una di pepe ed un pizzico di zucchero di canna: diventeranno confit dopo un paio d'ore di forno a 100°.

Pulire gli scampi, a parte i 4 necessari per la guarnizione, e preparare un fumetto (se si avesse più tempo a disposizione si potrebbe preparare in po' di bisque o salsa di crostacei, vedere il post di sabato) con i carapaci degli scampi, una foglia d'alloro, uno scalogno e qualche grano di pepe nero.

Tagliare in dadolata il guanciale ed a julienne la zucchina e farli saltare prima l'uno e dopo l'altro nella medesima padella, senza aggiungere condimenti. Mettere da parte

Prendere un'altra padella, mettere l'olio, far saltare qualche spicchio d'aglio in camicia, aggiungere la passata, unire gli scampi e, dopo qualche minuto, far sfumare mezzo bicchiere di vino bianco mescolato alla salsa di pomodoro. Far asciugare, ma non troppo la salsa e mettere da parte.
Scolare i calamari al dente (14' di cottura) e continuare la cottura in una padella dove si è sciolto il nero di seppia con un po' di fumetto (o bisque) per un paio di minuti, mescolando e facendo attenzione che non si "secchi" il nero.

Impiattare come se fosse una millefoglie: mettere un po' di pasta sul piatto, sopra zucchine e guanciale, gli scampi ed i pomodirini confit e chiudere con uno scampo intero ed una fogliolina di menta. Tenere gli ingredienti così divisi permette che risaltano i singoli colori, senza che il nero prenda il soppravvento su tutto.
Voilà: il piacere è servito!

12 ingredienti:

  1. E così hai fatto anche lì la tua "guanciale" figura!!! Brava e bella come sempre!

    RispondiElimina
  2. ma complimentissssssimi!!! bravissima!

    RispondiElimina
  3. @ Ciao Stefania...bellissimo l'eufemismo guanciale...derivato del maiale! Sei un mito!

    @ Federica: i tuoi complimenti sai che li apprezzo particolarmente. Chi fa i lievitati come li fai tu, tanto di cappello!

    RispondiElimina
  4. Che bello questo post, è emozionante!!! Sei brava e te la sei cavata più che bene certamente, tra l'altro il piatto è buonissimo!

    RispondiElimina
  5. Lo sai che non ci siamo incontrate per poco?
    Ero l'ultima, ho finito alle 22.30!!!
    Metterò il post anch'io!!!

    RispondiElimina
  6. @ Grazie mille Tania e grazie di essere passata a trovarmi.

    @ Ciao Solema! Ho provato ad aspettarti un po' ma avevo il piccolo che il giorno dopo doveva andare a scuola! Dai, che sono curiosa di leggerti! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. @ Grazie Christin...la gatta sta scrivendo..:-)

    RispondiElimina
  8. inutile son serate divertentissime!

    RispondiElimina
  9. ò Ciao Genny, hai ragione la serata è stata davveo uno spasso! Un abbraccio ed auguroni.

    RispondiElimina
  10. Ma lo sai che c'ero anche io quella sera?... avevo accompagnato la mia amica Elisabetta del blog paneemiele che è entrata dopo di te! :)

    hai proprio un bel blog!

    brava e grazie di esser passata da me! :)

    Terry

    RispondiElimina
  11. @ Ciao Terry e benvenuta! Io ho conosciuto Daniela e Diocleziano e sfiorato Solema: una bella brigata di buongustai!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!