Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Sapori dei Sassi: buona la prima, anzi il primo!

Si parte sempre dall'inizio, di solito, e chi ben comincia è a metà dell'opera. Detto questo oggi, che è domenica ho pensato ad un piatto "della festa" preparato grazie alle bontà che Angela, il deus ex machina di SAPORI DEI SASSI mi ha fatto scoprire quando, al rientro dal Salento, abbiamo fatto tappa a Matera. Un'ottava meraviglia del mondo le cui immagini ho ancora impresse nel cuore.

L'amore per la sua terra e la passione per il suo lavoro sono stati immediatamente contagiosi ed il fatto di aver fatto scorta di un po' delle bontà che arricchiscono il suo negozio - che sa avvolgerti con un suo calore tutto particolare - ha fatto il resto.


Ci ho pensato un po' a cosa preparare con le Melanzane rosse Dop, i ceci neri e la farina di grano arso, che ha dato un profumo intenso e particolare alla mia cucina ed ecco uno dei piatti che ho preparato: Ravioli di grano arso con melanzane rosse e gamberoni in crema di ceci neri e zafferano. Ci vuole un po' di pazienza ma vi assicuro che il risultato è da leccarsi i baffi.

Ingredienti
300 gr di farina di kamut, 100 gr di farina di grano arso, 5 uova, 600 gr di melanzane rosse, 600 gr di gamberoni, 250 gr di ceci neri, 150 gr di ricotta vaccina, un paio di cucchiai di pecorino, ricotta salata, un mazzetto aromatico (basilico, salvia, rosmarino), 1 spicchio d'aglio, 1 foglia d'alloro, mezzo bicchiere di vino bianco, sale, pepe nero macinato al momento, olio evo.

Procedimento
Mettere in ceci in acqua fredda per due giorni, cambiandola molto spesso.
Passato questo periodo sciacquarli accuratamente sotto l'acqua corrente, rosolare uno spicchio d'aglio con un po' di olio evo in una casseruola di rame, unire i ceci ed il mazzetto aromatico, ricoprirli d'acqua ed al bollore togliere lo spicchio d'aglio, cucinare per un paio d'ore, a fuoco basso e coperto.
Passato questo periodo togliere il mazzetto aromatico, regolare di sale, frullare con il frullatore ad immersione e passare poi al colino. Mettere da parte.
Tagliare le melanzane a fette spesse quasi un cm, metterle in una leccarda con un po' di sale per un'oretta e passarle nel forno a 180° per 20'. Frullarle e passarle al colino e mettere da parte.
Pulire i gamberoni togliendo il budello interno, la testa ed il carapece (questi ultimi messi in una pentola con acqua fredda ed un paio di scalogni vi restituiranno un fumetto un po' diluito con il quale cucinare i ravioli).
Saltarli con uno spicchio d'aglio e la foglia di alloro, un po' d'olio evo e mezzo bicchiere di vino bianco. Frullarli e mettere da parte.
In una ciotola unire la purea di melanzana, la polpa dei gamberoni, la ricotta, un paio di cucchiai di pecorino (se serve un paio di cucchiai di pane grattugiato tostato ma in questo caso non è servito), un po' di pepe nero, mescolare bene e regolare di sale.
Preparare la pasta con le farine setacciate e le uova, lasciarla riposare per una mezz'ora coperta, passato questo periodo stendere la sfoglia e preparare i ravioli come di consueto, spennellando i bordi con l'uovo sbattutto, usando un coppapasta o uno stampo per biscotti di almeno 6 cm e premendo bene per far uscire l'eventuale aria.
Rimettere la passata di ceci neri sul fuoco e sciogliere la bustina di zafferano, lessare i ravioli per 4' in acqua salata (il fumetto preparato prima).
Preparare il piatto versando un mestolino di vellutata sul fondo del piatto, adagiare i ravioli, grattugiare un po' di ricotta salata con la microplane, macinare un sospetto di pepe nero e decorare con qualche pistillo di zafferano.

Le prossime ricette nei prossimi giorni. Buona domenica :) e grazie Angela e Giuseppe!

5 ingredienti:

  1. E' proprio vero che i luoghi e i loro ricordi suggeriscono le migliori interpretazioni!!!
    Parli di prodotti che evocano una terra meravigliosa e tu li hai trattati con così tanto rispetto e passione che il tuo piatto è proprio una dichiarazione d'amore e se avessi sotto mano la stessa materia( ma non è così) ci riproverei subito anch'io!!!

    Molto interessante, grande ripieno!!

    un saluto...Fabi

    RispondiElimina
  2. Anna Maria, mi stupisci sempre con le tue preparazioni, degne dei migliori chefs!
    Baci bellezza
    Stefania

    RispondiElimina
  3. che meraviglia!!!Mi leccherei le dita, il piatto, le posate..insomma tutto il leccabile!

    RispondiElimina
  4. Buona sì la prima! Primo ops! ;D!Fantastico piatto! Complimenti e che dire di più! ;D Baci

    RispondiElimina
  5. @ Grazie Fabiana, hai colto nel segno! E' davvero una dichiarazione d'amore: ad una terra ed ai suoi frutti. Poi anche alla cucina, una passione che mi ha definitivamente travolta!

    @ Ciao Cara, basta che poi vado in giro a fare la ruota come il pavone! Un bacione grossissimo!

    @ In effetti è quello che ho fatto anch'io...ma non dirlo a nessuno! ;))

    @ Grazie Pagnottina. Bacioni :)

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!