Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Non so se credo nell'amore a prima vista. Di certo fa risparmiare un sacco di tempo (Mae West)


Quiche di ricotta e pistacchi con gelatina di moscato passito


Quando ero piccola il gelato al pistacchio mi lasciava sempre un po' diffidente, come il cibo in generale, del resto. Qualche anno dopo uscì il gusto "puffo" e non mi spiegavo come un dolce prodotto con uova, zucchero, latte e panna poteva, nella somma dei colori, dare come risultato il turchese. Finivo per scegliere sempre cioccolato e fragola (detti nell'ordine perchè la signorina della gelateria avrebbe composto il gelato in modo tale che l'adorato cacao fosse presente fino alla fine del cono).


Si cresce anche da un punto di vista gastronomico e mentre l'azzurro mi lascia sempre diffidente il verde del pistacchio di Bronte ha iniziato ad affascinarmi. Ma lo sapete che il pistacchio è citato nella Genesi fra i doni che Giacobbe inviò al faraone nel 1802 a.c., che Avicenna nel suo "Canone della medicina" lo prescriveva contro le malattie del fegato e lo definiva afrodisiaco e che Jacopo d'Acqui, primo biografo di Marco Polo descrisse stupefacenti pietanze al pistacchio assaggiate dal viaggiatore veneziano nel suo viaggio meraviglioso verso il Catai?
Ed una volta arrivato a Venezia non poteva che essere studiato in lungo ed in largo tanto che Castore Durante Da Gualdo nel "Tesoro della sanità", (Venezia 1646), lo raccomandava vivacemente e Mario Lemeri, nel "Trattato degli alimenti e della maniera di conservarli lungamente in sanità" (Venezia 1705), consigliava il verde frutto perchè " ...Eccitano gli ardori di Venere e accrescono l'umore feminale, perchè eccitano una dolce fermentazione del sangue".
E noi che non siamo da meno, con questo confetto birichino, prepareremo una languida Quiche di ricotta, gelatina di moscato passito e pistacchi.

Ingredienti
200 gr di farina 00, 100 gr di burro freddo, 70 ml di acqua ghiacciata, 300 gr di ricotta vaccina, 120 gr di gelatina di moscato (oppure 150 ml di vino all'interno del quale farete sciogliere 2/3 fogli di colla di pesce strizzata scaldando il tutto al microonde per meno di un minuto, versando il liquido in un contenitore di plastica e lasciando raffreddare e rapprendere in frigo), 3 cucchiai di granella di pistacchio, una manciata di pistacchi interi per decorare, 2/3 cucchiai di miele (facoltativi, se preferite più dolce il ripieno della torta)

Procedimento
Preparare la pasta brisè mettendo nella planetaria con la frusta a foglia la farina ed il burro freddo, aggiungendo poi l'acqua e mescolando per ottenere una pasta composta e liscia. Avvolgere il panetto nella pellicola e farlo riposare per 30'. Stendere una sfoglia di 4 mm in uno stampo ad anello di 20 cm di diametro per 2,5 cm e cucinare in bianco per 25' minuti nel forno caldo a 190° e poi altri 15' a 170°, dopo aver tolto la carta forno ed i pesi (legumi), fino alla doratura. Lasciar raffreddare.

Setacciare la ricotta, con una spatola unire la gelatina mescolando bene e per ultimo aggiungere la granella. Riempire il guscio di pasta, decorare con i pistacchi interi, conservare al fresco o in frigo .... e prendere nota degli effetti collaterali :))

Quiche di ricotta e pistacchi con gelatina di moscato passito

14 ingredienti:

  1. Hai unito sapori diversi tra loro.....vino passito e pistacchi, molto interessante, bravissima!

    RispondiElimina
  2. Splendido. E poi il titolo...come darti torto? :-))

    RispondiElimina
  3. @ Grazie mille Laura!

    @ Eh si Chiara, Mae Westera una maestra circa l'amore e la sua applicazione! ;)

    RispondiElimina
  4. il puffo è sempre stato un mistero anche per me.... ho lavorato in una gelateria: il mio capo non voleva che si mettesse prima il gusto scuro, perchè poi si sporca la paletta di quello chiaro... quante volte per far contenti i bambini ho disobbedito:D

    RispondiElimina
  5. Post davvero sensuale e affascinante :)
    Non ho dubbi che questa quiche accresca ... tutto!
    Quasi quasi la faccio stasera, mi ha davvero stregata!
    Sai che anch'io da piccola non amavo il pistacchio (nemmeno il puffo se è per quello), ma adesso il gelato al pistacchio lo amo ... quello al puffo continua a restare nella sua triste vaschetta :)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Bellissima la massima del titolo!
    E la quiche.. seducente, anche se la vedo monoporzione, per non rovinare la sua bellezza con un taglio..
    Baci

    RispondiElimina
  7. Bellissima e molto invitante.
    Se poi i pistacchi fanno cosi' bene dovro' mangiarne come minimo razione tripla :-)

    RispondiElimina
  8. Bello questo post, e anche la ricetta.... Il titolo poi, è da tenere in mente, l'ironia in persona!!
    Complimenti!!
    Franci

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia questo dolce...farebbe la felicità di mia figlia, lei adora i pistacchi!
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  10. che ricetta originale! davvero invitante! e grazie per le curiosità sui pistacchi... ne mangio davvero tanti.. e faccio bene!!!! ti aspetto sul mio blog per sfogliare il pdf della raccolta "Il pane secco non si butta"... Buona giornata
    Vale

    RispondiElimina
  11. wow, si credo che nel caso della tua originalissima torta si possa parlare di amore a prima vista. Abbinamenti molto particolari e a mio giudizio molto azzeccati!

    RispondiElimina
  12. che ingrediente fantastico, il pistacchio ! delizioso sia nelle preparazioni dolci che in quelle salate!! ora che ci hai fatto conoscere le sue proprietà, non ne potremo più fare a meno ;-))

    RispondiElimina
  13. @ Genny, vedi anche avevo ragione? Sei troppo fantastica :)
    @ Grazie Lia!
    @ Ciao Meggy! Ho la sensazione che il gusto Puffo non piacesse neppure Gargamella!
    @ Hai perfettamente ragione Giulia..ma io dovevo "ricaricare" un'amica con le batterie scariche ;)
    @ Grazie ArabaFenice...aspetto di conoscere gli esiti :)
    @ Grazie Francesca!
    @ Ciao Simo e dimmi se è piaciuto alla tua piccola!
    @ Grazie mille Vale e grazie per l'invito. A presto :)
    @ Grazie mille ragazze!
    @ Grazie Carola. Vuoi mettere quanto sono più piacevoli le "tentazioni" gastronomiche? ;)

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!