Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

"Le rughe non coprirle che ci ho messo una vita a farmele venire"



"Va a chiamà tu madre! So' le due e fra mezz'ora c'ho da prendere servizio!!"

"Mamma è impegnata. Sta' a fondà un partito."

Una delle frasi più belle del film "L'onorevole Angelina" (1947) nel quale una strepitosa Anna Magnani, nella Roma borgatara di un immediato dopoguerra, combatte contro ingiustizie e vessazioni, diventando l'eroina di un intero quartiere. Riesce a raggiungere la bellezza di 86mila preferenze ma preferisce non farsi eleggere per rimanere con la sua famiglia e fra la sua gente "che è onorevole tutta, ma sul serio".

Troppo facile prendere spunto da questo film per riflettere su quanto sta accadendo nel nostro Paese. La cosa che più mi inquieta, e mi disgusta, non è il fatto che uomini di potere si comportano in totale disprezzo della Legge e delle norme che regolano la civile convivenza ma è lo squallore e l'assoluta mancanza di Dignita, Valore fondante della nostra Carta Costituzionale, che giovani donne barattano in cambio di contanti, di oggetti, dell'anima, per quanto soffocata dall'immondizia possa essere.


Mi viene da citare Che Guevara: "La rivoluzione del mondo, passa attraverso la rivoluzione dell'individuo" e subito dopo Totò "A proposito di politica, ci sarebbe qualche cosarellina da mangiare?"

Nell'attesa della rivoluzione preparerei questi Ravioli con cardi, lardo di colonnata e burro al tartufo nero.
Non si può ragionare con la pancia vuota. No?





Ingredienti per la farcia
400 gr di cardi già puliti, 100 gr di ricotta freschissima, 50 gr di pecorino stagionato dop, 50 gr di lardo di colonnata dop, 1 scalogno, 1 spicchio d'aglio.


Ingredienti per la pasta
1 uovo bio o 1 per 100 gr di farina 00 Petra (qui ne ho usati 300 gr e 3 uova).


Ingredienti per il condimento 
Burro chiarificato, un tartufo nero (se bianco mille volte meglio e soprattutto ne basta mooooolto meno!)


Procedimento
Armatevi di santa pazienza e di un paio di guanti e pulite i cardi, privandoli dei filamenti, così a ottenere circa 400 gr di polpa e lessarli per circa 20' in acqua bollente.
Tritare lo scalogno, l'aglio ed il lardo, rosolare il trito in una padella antiaderente per qualche minuto, unire la polpa lessata e tagliata a tocchetti e continuare ancora per qualche minuto. Mettere da parte e lasciar raffreddare.
Nella planetaria inserire la farina setacciata e le uova e lavorare con la frusta a foglia a bassa velocità per almeno 5'. Lasciar riposare coperto per circa 30'.
Stendere la pasta come di consueto, spenellarla con un tuorlo appena sbattuto e farcire con il lardo frullato con la ricotta e il pecorino (regolare di sale e di pepe nero macinato al momento: lardo e pecorino potrebbero essere sufficienti) aiutandovi con un sac a poche (ma va bene un cucchiaino).
Chiudere bene per far uscire tutta l'aria, stenderli in un vassoio ben spolverato di semola di grano duro e ricoprirli con dell'altra semola man mano che terminate gli ingredienti.


Lessarli in acqua bollente salata per 3'-4' (dipende dallo spessore della pasta che avete steso) e condirli con del burro chiarificato (1/2 kg) al quale è stato unito un piccolo tartufo nero grattugiato con la microplane, composto in uno stampino rettangolare e porto in frigo a rassodare.


Questa ricetta partecipa a Weekend Herb Blogging, ospitato questa settimana Kristina. 
L'evento ha avuto inizio nel 2005 grazie ad un'idea di Kalyn  Haalo è l'organizzatrice in carica e Bri è l'organizzatrice italiana. 

12 ingredienti:

  1. Che posso dirti...
    sono triste. Nessuno ha più voglia di dire davvero basta. Passa la FIAT, passa Ruby, passa il PD che non ha ancora una linea. Tutto passa senza che nessuno urli BASTA.
    Forse allora ce lo meritiamo.
    Vero

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia........rimango senza parole e con l'acquolina in bocca!!!
    Fantastica ricetta, bravissima come sempre!!!

    RispondiElimina
  3. @ Non so se si può condividere la tristezza ma sicuramente si potrebbe iniziare insieme a dire "basta". Non credi?. Benvenuto in questa cucina :)
    @ Grazie mille Lidia!

    RispondiElimina
  4. e una gran bella parola BASTA ma alla fine per cosa.... sono tante le cose che uno dovrebbe dire basta ma nessuno lo fà ma bisognerebbe iniziare...
    complimenti per questi ravioli con questo ripieno eccezionale buonissimi..
    ciao da lia

    RispondiElimina
  5. strepitosi come è strepitoso il tuo post!
    divertente da leggere, ma fa alquanto riflettere, come è giusto che sia.

    RispondiElimina
  6. Grazie per la partecipazione al WHB, complimenti per la ricetta, io ancora non mi sono cimentata nella pasta ripiena, chissà prima o poi prenderò il coraggio a due mani e realizzerò proprio questi ravioli. A presto Kris

    RispondiElimina
  7. meravigliosi questi ravioli!
    il post anche!
    noi siamo convinti del fatto che rivoluzionando, lavorando su noi stessi si possa cambiare il mondo, ma seguendo la cronaca quotidiana viene proprio uno sconforto...

    RispondiElimina
  8. @ Ciao Lia. Cominciamo dai ravioli e passiamo al resto, che ne dici?
    @ Si Erica, io vorrei che le mie ricette raccontassero delle storie e le storie raccontassero delle ricette. Grazie per le tue parole.
    @Non è difficile la pasta ripiena, si tratta solo di prendere un po' la mano. Ma le sfogline romagnole sono un'altra cosa ;). Grazie a te per avermi fatto conoscere il WHB!
    @Dai Mitica Banda, se vi unita anche voi cominciamo ad essere un bel gruppo. Si fa merenda e poi si va a conquistare un mondo più etico.

    RispondiElimina
  9. Deliziosa ricetta per il resto ognuno può fare la sua parte ..non di più è assieme che si cambia, ciao

    RispondiElimina
  10. ciao Anna Maria, bellissima questa ricetta. ho sempre avuto difficoltà con i cardi, ma adesso capisco che devo avere più pazienza!
    grazie di aver partecipato al WHB, spero di vederti ancora.
    grazie anche per la riflessione anche se mi mette tristezza, ne abbiamo parlato anche a tavola ieri sera. con tutte quello che c'è da fare in questo bel paese, ci perdiamo in queste stupidate!
    scusa lo sfogo.
    a presto
    Brii

    RispondiElimina
  11. Ciao, quando si dice le coincidenze...partecipando al WHB ho visto la tua ricetta ma, senza sminuirla (sembra buonissima!!), sono felice di aver trovato in questo post un riscontro su un argomento che mi sta molto a cuore questi giorni..sì è vero: non si parla d'altro. Sì è vero: mette tristezza ...ma parlarne e costruirsi consapevolmente ciascuno la propria opinione è importante...e, se vi fa piacere avere un ulteriore spunto di riflessione sul tema, passate a trovarmi, ho appena pubblicato una lettera di qualcuno che vuole dirci qualcosa...intanto a presto!

    http://www.ackyart.com/reading/un-insegnamento-monito-per-tuttei-le-parole-di-concita-de-gregorio.html

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!