Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

L'unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell'avere nuovi occhi. Proust

Madeleine con pistacchi, finocchietto e roquefort

Sono arrivati anche i 45. Anni intendo.
La somma da 9, un numero che mi piace e che ha un significato che non giunge a caso in un momento molto particolare della vita di una donna, almeno per la mia. 



"È il numero della generazione e della reincarnazione. Numero dispari è dinamico e attivo nella sua natura e nei suoi effetti. Indica il periodo della gestazione, nove mesi per la nascita di una nuova vita. Il nove seguendo all’otto, che indica uno stato limite, è il superamento nella creazione. Il nove ha come proprietà la permanenza. Infatti il numero nove torna sempre al suo stato antecedente e non si trasforma mai veramente, conservando uno stato fisso e immutabile. Questa caratteristica lo accomuna al numero uno, diventando una sua manifestazione, nella sua funzione di unicità. Il simbolo grafico del nove è il cerchio, come per il numero 1. Anche secondo Pitagora è un numero che si riproduce continuamente, in ogni moltiplicazione, e simboleggia pertanto la materia che si scompone e si ricompone continuamente. Composto da tre volte il numero tre (la perfezione al quadrato), con l’aggiunta di un quarto tre genera il dodici, simbolo della Perfezione assoluta. Il nove serve da dissolvente per tutti i numeri, senza che mai si associ a qualcuno, né per somma né per moltiplicazione. E’ l’ultimo numero delle cifre essenziali che rappresentano il cammino evolutivo dell’uomo. E’ dunque il simbolo della realizzazione."

Un amico mi ha scritto proprio questo qualche ora fa ed immediato è andato il pensiero a Proust, alla sua opera "Alla ricerca del tempo perduto" e "Il tempo ritrovato". Ecco quindi queste madeleine, "dolce soffice e burroso" che seppe stupire Marcel. Solo che questa versione è un po' insolita e in divenire, come i miei 45 anni :)


Madeleine con finocchietto, roquefort e pistacchi

Ingredienti
150 gr di farina 00, 150 gr di Roquefort, 2 cucchiai di finocchietto, 2 cucchiai di pistacchi tritati, 80 gr di burro semi-salato, 1 cucchiaino di lievito per torte salate, 3 uova bio o 1, pepe nero macinato al momento.

Procedimento
In una ciotola mescolare con una frusta le uova e il burro fuso, unire la farina setacciata con il lievito, mescolando bene. Aggiungere il finocchietto tritato finemente, i pistacchi e il formaggio tagliato in piccola dadolada. Mescolare bene il composto affinchè si amalgamino bene gli ingredienti. Lasciar riposare in frigo per un'ora.
Accendere il forno a 270°. Riempire gli stampini ben imburrati ed infornarli immediatamente (l'impasto deve subire un forte shock termico) per 4 minuti, successivamente terminare la cottura a 210° per 6 max 8 minuti.
Servirle tiepide o fredde con una misticanza leggera e una marmellata o confettura senapata.

14 ingredienti:

  1. Qualche giorno fa pensavo proprio di realizzare delle madeleine salate... sarà che mi avvicino al numero 9 anche io????
    Buon 45esimo! :)

    RispondiElimina
  2. alla dotta disquisizione sul 9 e correlati,
    posso aggiungere che 45 sono i gradi che dividono a metà l'angolo retto( la verticale assoluta ) e che permettono ad una massa di materiale di qualunque genere ( liquidi esclusi) di stabilizzarsi senza franare. questo stato di equilibrio, in genere, si riverbera nella vita di una persona. a 45 anni si è realizzato ciò che ci si prefiggeva (con il trascorere del tempo lo si migliora/modifica ), ma le basi sono oramai stabilmente gettate. mi pare che il tuo caso sia emblematico. per il resto, poichè risulta alquanto difficile tornare indietro ( se non solamente con lo sguardo della memoria )teniamo questo traguardo come punto di partenza per l'altra metà della vita che, ti auguro, densa di soddisfazioni e di gioia come una melassa.
    un abbraccio particolare,
    brontolo

    RispondiElimina
  3. adoro questo post :) da ex "scienziata" e attuale "letterata" (sono passata da chimica e biologia a lettere e filosofia) non posso che leggere appassionata quel frammento di testo che ti ha scritto il tuo amico e leggere con piacere che anche tu conosci "Alla ricerca della madeleine. Le ricette di Marcel Proust."

    Bellissima ricetta e bel post. E tanti, tantissimi auguri cara :)

    RispondiElimina
  4. Grandi i tuoi 45 anni.Stupendi sicuramente saranno quelli che si aggiungeranno a questo numero magico.Auguri di cuore.Bellissima la tua ricetta.

    RispondiElimina
  5. @Ciao Cara! 45 un numero magico e lo saranno anche le tue madeleine (ne sto provando con la farina di riso). Un abbraccio grande.
    @Ciao Brontol, grazie per le tue sempre pertinenti precisazioni e per gli auguri che non fanno mai male. A quando una tua ricetta per il contest emozionale?
    @Certo che l'arte della maieutica ha colpito più di qualcuno di noi! Grazie per gli auguri e per i fagottini :)
    @Grazie di cuore Anna Maria.

    RispondiElimina
  6. Ciao cara...per prima cosa tanti auguri per i tuoi 45 anni e poi piacere mio di conoscere te e il tuo interessantissimo blog!!! Complimenti per le ricette, le rubriche, i corsi,insomma proprio un blog pieno di cose bellissime...e complimenti anche per il lavoro che sei riuscita a crearti...tornerò di nuovo e ti seguirò e spero che anche tu sarai una mia assidua visitatrice...un bacioni e di nuovo auguriiii!!!

    RispondiElimina
  7. ahh... io non vedo l'ora di passare ai 27. Ora sono ferma al numero otto, ad agosto compio 27 anni e mi auguro con tutto il cuore mi porti bene per tutto l'anno :)

    RispondiElimina
  8. AnnaMaria mi hai veramente emozionato...post bellissimo
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. @Molto lieta Patrizia e grazie sia per gli auguri sia per le tue parole gentili!
    @Che bel numero 27! La somma fa comunque 9 ed è anch'esso un momento topico: non si dice che le donne sulla trentina sono nel momento del loro massimo splendore?
    @Ciao Ilaria! Grazie davvero e un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Anna Maria!! Abbiamo formalizzato su fb ed eccomi sul tuo blog anche se ero già tua sostenitrice ^_-
    Innanzitutto auguri, seppur in ritardo, per i tuoi fantastici 45 anni!! E poi complimenti per questa preparazione: un'abbinamento avvincente e sicuramente da provare!!
    Brava!
    Franci

    RispondiElimina
  11. Ri-auguri. Si,il tempo se ne va. Passa e passa a volte senza accorgersi che le cose più giuste spesso sono sotto i ns occhi, basta saperle cogliere.
    Grazie per averci ai ricordato di Proust ... e a te per il tuo complennao regalo una sua citazione:
    "Il tempo che abbiamo quotidianamente a nostra disposizione è elastico: le passioni che sentiamo lo espandono, quelle che ispiriamo lo contraggono; e l'abitudine riempie quello che rimane."

    RispondiElimina
  12. Numeri che contano. Numeri che ti auguro di moltiplicare magari x 3?? Basta la salute e òe tue ricette.

    RispondiElimina
  13. @ Grazie Decimo per gli auguri e anche per la citazione che è davvero molto interessante!
    @Eh si Iori, mi basterebbe come dici tu avere salute sufficiente per portare avanti passioni e sentimenti. E anche qualche ricetta :))

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!