Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Una cipolla al giorno leva tutti di torno!


A Venezia c'erano i Fritoleri, che esercitavano tutto l'anno, con le loro dolci ed invitanti proposte, le "fritole ovvero i boconi da poareti e da siori" e c'erano anche i Fruttaroli, la cui presenza ed attività, regolamentata in Arte dei Fruttaroli, era già ampiamente codificata nell'anno 1000. 
L'Arte dei Fruttaroli prevedeva tre colonnelli o specializzazioni: fruttaroli propriamente detti, erbaroli e naranzeri (ovvero venditori di naranze - arance - e agrumi in genere). 




L'iscrizione all'Arte - la licenza - avveniva osservando la Mariegola, ovvero lo statuto, garantito dai Cinque Savi alle Mariegole: questo consiglio imponeva norme e delibere come per esempio la distanza tra le botteghe ed altri adempimenti. Una delibera molto importante, risalente al 1173, puniva i fruttaroli che vendevano merce deteriorata o baravano sul peso e addirittura, nel 1347, si vietò ai fruttivendoli di "fare compagnia insieme" ovvero fare cartello per poter vendere i prodotti più cari. Un esempio di tutela dei consumatori ante litteram.
Una commissione, detta dei Tre Savi, attribuiva ad ogni trasgressione alle leggi un punto: raggiunti i tre punti il fruttivendolo colpevole perdeva il diritto di esercitare la sua professione per un triennio. Curioso è il caso di un falegname (1353) che durante un incidente sul lavoro perse un piede: gli venne concessa una grazia ovvero la licenza di aprire una bottega di "fructuarie, speciarie et herbarum"
A Santa Maria Formosa c'era un ospizio con 19 stanze ed un oratario che apparteneva all'Arte, come la Scuola, situata in Fondamenta San Gioachino.

E dopo tanti secoli ancora adesso, all'alba, le barche cariche di frutta e verdura giungono a Rialto per allestire i banchi del mercato più bello del mondo.


In loro onore vi propongo una semplice ma profumata insalata (visto che sarebbe giorno di magro) composta da pochi ingredienti che sarebbero piaciuti anche al Doge!

Insalata croccante di rucola con arance, mirtilli e semi di zucca

Ingredienti
250 gr di rucola, 3 arance, 125 gr di mirtilli, 2 cucchiai di semi di zucca, 2 cucchiai di gherigli di noci, sale rosa, pepe nero di mulinello, olio evo.

Procedimento
Lavare ed asciugare le foglie di rucola, pelare a vivo le arance conservandone il succo, tritare grossolanamente i gherigli di noce.
Predisporre un piatto per ogni commensale e partendo da un letto di rucola disporre i restanti ingredienti. Emulsionare il succo d'arancia con un frustino aggiungendo un po' di olio evo a filo, regolare di sale e pepe e servire. 
Così ci si disintossica con un piatto ricco di colore e sapore!

14 ingredienti:

  1. Questa insalata è deliziosa! Immagino l'agro della rughetta misto al dolce delle arance e dei mirtilli... che bontà!

    RispondiElimina
  2. Che sapore antico questo post, un viaggio nel tempo e nello spazio. Bellissimo, grazie!

    RispondiElimina
  3. Mai provato i mirtilli in una insalata e mi piace l'idea!!

    RispondiElimina
  4. Bella e leggera. Un vero piatto di magro, due grissini, ... ma la cipolla?

    RispondiElimina
  5. @Ciao Luisa, hai ragione: bontà e semplicità (merito della materia prima!)
    @Grazie Sgrisole, mi piacciono le storie che raccontano il nostro cibo: raccontano anche un po' di noi! Benvenuta :)
    @Ciao Titty: un pieno di vitamina C!
    @Ciao Iori, la cipolla in realtà sreve solo per tenere lontano gli scocciatori...se ne mangi troppa!

    RispondiElimina
  6. Ciao!!! Complimenti per il blog..mi sono unita ai sostenitori!!!!
    Bellissime ricette!!!
    A presto!!!!!

    RispondiElimina
  7. La cipolla farà scappare gli scocciatori ma senza .... quanta banalità insignificante priva di qualsiasi espressività e vivacità.
    Vale per gli umani e vale tanto più per i cibi.

    RispondiElimina
  8. L'ho fatta ieri aggiungendo alcune fragole. Sfiziosa.
    Hai ragione Lara, però attenta la cipolla bisogan manipolarla con cura, se la maltratti si vendica: prima ti fa piangere e poi ti resta per ore sullo stomaco.Indimenticabile.

    RispondiElimina
  9. Cara Annamaria ,
    in questo periodo ho voglia di insalate e questa mi gusta molto.
    Ciao - bacio.

    RispondiElimina
  10. @Grazie mille Lori e benvenuta
    @Sagge parole Lara!
    @Grazie per il consiglio Decimo!
    @Ciao Laura: evidentemente è la voglia di vitamine e sali minerali. Meglio un'insalata che un integratore! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Ciao! Ma la cipolla??? Io cipollo tutta la vita! Cmq i mirtilli dopo averli usati nel riso pensavo di averli messi dappertutto...ma mi sbagliavo: mi mancava l'insalata! Buona!!

    RispondiElimina
  12. @Ciao Acky! La cipolla l'ho lasciate nel titolo ma ho messo il mirtillo nell'insalata!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!