Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Al mare anche gli uomini hanno più tette di me


Sono ufficialmente in ferie.

Finito di lavorare a mezzanotte del giorno prima di partire, ho caricato mac (che non funziona), caricatori e tecnologia in una borsa, scarpe assortite in un'altra borsa, una decina di attaccapanni contenenti vestiti non meglio identificati e coperti dal cellophane riparatore, la borsa dei costumi riposti la scorsa estate, quattro libri tra le pile di quelli acquistati nell'ultimo anno e ovviamente non solo non letti, neppure "annusati", la padella da 42, il set di coltelli zwilling da viaggio (quelli acquistati durante il viaggio di nozze), qualche spezia e qualche specialità.
Il resto della ciurma è abbastanza grande per riempire da sola zaini e zainetti, caricare i propri abiti nel camper e, come me, dimenticare a casa sempre qualcosa.
Tredici ore di viaggio- pause comprese - e, finalmente, il mio paradiso in terra, il Salento e, nello specifico il campeggio "Riva di Ugento" nell'omonimo paese, punto estremo nel "tacco" della nostra penisola.


L'abbiamo conosciuto più di vent'anni fa quanto Enrica, completa di succhiotto e pannolone, scese dall'auto senza aria condizionata dopo il lunghissimo viaggio (affrontato senza un lamento) e si diresse di corsa verso la piscina per fermarsi, come in un cartone animato, sul bordo, girarsi, togliersi il ciuccio e sorridermi, mentre la stavo raggiungendo con il cuore impazzito dalla paura.

Ci siamo tornati ad anni alterni, incontrando di volta in volta quasi sempre le stesse persone e alcune di queste conoscenze sono diventate amicizie sincere.
E così in questo primo giorno di ferie, durante le consuete visite di cortesia alla commessa dell'edicola, all'addetto alla sicurezza che lavora di notte per aiutare la figlia ad acquistare casa - e che mi regala ogni volta i fichi più buoni della Puglia -, al gestore del bar che nel frattempo è diventato nonno - e arricchito il proprio sguardo di una luce mista di felicità e tenerezza estreme -, alla cassiera del market che mi saluta sempre con "Ciao Signora!", mi sono soffermata a riflettere sul tempo che passa e sui segni che lascia, non solo sul corpo e sul viso delle persone.

Nel corso degli anni sui fili per la biancheria legati tra un pino marittimo e un ulivo si sono sostituite alle t-shirt colorate e all'ultima moda candidi bavaglini stesi in ordine di grandezza, ai perizoma esibiti un po' spudoratamente le più rassicuranti culotte mentre si continua a dormire poco vuoi perchè da piccoli i bimbi non dormono mai vuoi perchè una volta diventati grandi i ragazzi adottano il fuso orario di New York.
All'ora di pranzo si mandava il figlio della vicina di tenda dotato di bici e gambe buone a chiamare il resto della prole priva di fame e di orologio e ora è tutto un smanettare tra madri nervose e figli che, chissà perchè, hanno sempre il cellulare in vibracall quando chiama la genitrice poco rilassata e per la Caccia al Tesoro si cercava di avere in squadra il secchione della compagnia mentre oggi, in due minuti, con google trovi la capitale del Sudan, avendo solo una vaga idea del continente di appartenenza.
A distanza di tempo fioriscono tatuaggi su corpi non più giovanissimi mentre durante i tornei di calcetto i padri continuano a manifestare malcelate rivalità, convinti tutti di aver generato il nuovo Maradona.

E ora mi voglio proprio rilassare e anche coccolare un po': via pantaloni lunghi sempre macchiati e scarpe antinfortunistiche e vai con gonne vezzose con le frange e sandalini con tacco a spillo.
"Ma hai ancora le scarpe da ginnastica!"
"Beh, si...pensavo di andare a fare una corsa."
"Con la gonna con le frange?!"
"Ti sequestro la Playstation fino al 2012?"
"No, no....stai benissimo!"


Risotto con frutti di mare e frutti di orto (e non sono ancora andata al mercato del pesce di Gallipoli!) e pesi "a occhio" :)

Ingredienti (per 4 persone)
400 gr di carnaroli, 2 scalogni, 1 pezzettino di radice fresca di zenzero, due pugni di piselli freschi, 2 carote, qualche datterino, qualche gamberone, 4 capesante, 4 scampi, i filetti di 1/2 branzino e di 1/2 orata, 1/2 bicchiere di vino bianco secco, burro chiarificato, brodo vegetale, un ciuffo di prezzemolo fresco tritato, olio evo, sale rosa, pepe nero lungo.

Procedimento
Taglire la carota in dadolada sottile e sbollentarla con i piselli e i pomodori in acqua salata per 2 minuti. Spellare i pomodori, privarli dei semi, tagliarli in dadolata, mescolare al resto della verdure e mettere da parte.
Sfilettare il pesce e pulire gamberoni e scampi, mettendo da parte lische e carapaci e utilizzarli per preparare un fumetto di pesce con uno scalogno e la radice di zenzero.
Tritare lo scalogno rimasto, rosolarlo con dell'olio evo e far saltare le verdure per qualche minuto. Togliere dal fuoco e mettere da parte.
Tostare il riso in un'altra padella con dell'olio evo, sfumare con il vino bianco e iniziare la cottura con il fumetto (in alternativa utilizzare il brodo vegetale). A metà cottura unite la verdura e dopo qualche minuto il pesce tagliato in dadolata.
A fine cottura unire il prezzemolo e il burro (e anche un po' di parmigiano se si gradisce), mantecare, lasciar riposare coperto per 1' e servire  nei fantastici piatti bianchi in dotazione del camper decorando con un po' di prezzemolo fresco, gentile omaggio della signora tedesca della piazzola vicina (alla quale bisognerà girare un'abbondante mestolata di risotto, ovviamente :))

25 ingredienti:

  1. Che bello questo post. Hai descritto magicamente la vita in questo campeggio e mi hai fatto provare un po' di invidia per queste vacanze così serene anche se con poche ore di sonno.
    Il risotto ha un'aspetto magnifico. Mi hai convinta, corro in pescheria.

    RispondiElimina
  2. @Grazie Vera. Il campeggio mi ha insegnato a respirare con la pancia e soprattutto a sorridere di me e delle mie tante manie di perfezione :)

    RispondiElimina
  3. che risotto divino..............buone vacanze simmy

    RispondiElimina
  4. Anna Maria, quanto hai ragione... nei nostri campeggi le famiglie ritornano per anni ed anni... Si diventa famiglie allargate d'estate e le signorine del supermercato ti salutano tutte con quel"Ciao signora!":))
    Buone vacanze!!!!!

    RispondiElimina
  5. Buonissime vacanze Annamaria,riposati,rilassati e divertiti...queste le parole d'ordine!!Un abbraccio e chissà che a settembre non ci si veda a qualche corsettino!!Baciuzziiii e salutami il meraviglioso salento!Patrizia

    RispondiElimina
  6. bello, grazie Annamaria, mi sono un po' rivista nelle tue parole: campeggio ne ho fatto poco, ma anche se i bavaglini sui fili sono spariti da non molto, il tempo che si accumula mi fa sentire più fatica in certe cose.
    Gonnelline vezzose e tacchi a spillo e mani frenetiche sulle play station... ;))
    buona vacanza :*
    PS: certo dimenticavo che il risotto è un capolavoro di bravura

    RispondiElimina
  7. @Grazie Fefè!
    @Grazie Simona!
    @E' il bello di questo campeggio! Sono in vacanza ma sempre on line:))
    @Grazie di cuore Patrizia e mi sono già presa nota dei tuoi ordini! Un abbraccione :)
    @Cinzia, ti ringrazio davvero. Un bacione a te!

    RispondiElimina
  8. Quanti ricordi di quando ero bambina e andavamo in campeggio 2 mesi all'anno!! ; ((( che bei tempi!!
    sembra ottimo questo risotto, prendo nota , )

    RispondiElimina
  9. Sigh sniff...mi manca il Salento. Porta un bacione a quella terra per me, e se puoi, una sera che vuoi scappare dalla pazza folla con tuo marito verso una serata signorile in città, vai a cena al ristorante dell' Hotel Risorgimento, per scoprire la cucina di uno degli chef più fantastici della Puglia e secondo me, d'Italia. Un abbraccio e buone vacanze! Pat

    RispondiElimina
  10. Anna, divertiti , rilassati e pensa ad organizzare un bel corso di cucina alla casetta delle pesche per tutte noi !! Domani ci mancherai :-)) Un bacione

    RispondiElimina
  11. Mi fai sbellicare dalle risate..non vedo l'ora che anche la mia ciurma cresca...il risotto è fantastico, adoro tutto ciò che sia fatto con prodotti freschi... buone vacanze!!!

    RispondiElimina
  12. Chissà se il campeggio potrebbe insegnare anche a me a rinunciare tante mie manie di perfezione...
    Magnifico post, magnifico risotto!

    RispondiElimina
  13. Un mito vivente :-).
    Buone vacanze.
    Roberto

    RispondiElimina
  14. @Titty, due mesi all'anno di campeggio! Mi immagino il divertimento e la difficoltà a rientrare ai ritmi consueti e (per quanto mi riguarda) all'uso delle scarpe!
    @Patty, grazie mille della dritta! Pr Hotel Risorgimento intendi quello situato al centro di Lecce antica?
    @Ciao Carola e grazie di cuore. Domani vi penserò tutto il giorno e mi mancate già. Un abbraccio fortissimo!
    @Grazie Sere! Ti assicuro che la ciurma cresciuta aiuta ad affrontare con più serenità le vacanze...almeno per un pò!
    @Ciao Stefania. Credo che il campeggio ti farebbe bene, davvero. A patto che non ti tolga la perizia estrema dell'ultima tua ricetta per l'MTChallenge :) Un abbraccio fortissimo.
    @Grazie Roberto! Buone vacanze anche a te!

    RispondiElimina
  15. post bellissimo e divertente, risotto divino...ma adesso rilassati...ti invidio una cosa, il campeggio!!! non lo faccio da alcuni anni...è la vacanza più bella... baci

    RispondiElimina
  16. Buone vacanze... serene non te lo auguro neanche, si capisce già! Le famiglie allargate che si creano nei luoghi di vacanze mi hanno sempre fatto molta tenerezza... A presto

    RispondiElimina
  17. @Grazie TamTam: le cose semplici della vita quotidiana sono quanto di più dolce possa esserci. Un bacione a te :)
    @Grazie di cuore Marina e buone vacanze anche a te!

    RispondiElimina
  18. Mi sa che piano piano ci stiamo andando tutti in vacanza...tra una settimana sarà anche il mio turno! Quanto è vera la storia dei perizomi sostituiti dalle culotte o classiche mutande...ma chi ha il coraggio di buttarli??? io li ho in fondo al cassetto di ogni colore e con vari sfronzoli, e lì rimangono :). Buone vacanze e a presto, Valentina
    P.S. questo riso è una delizia!!

    RispondiElimina
  19. "Ma hai ancora le scarpe da ginnastica!"
    "Beh, si...pensavo di andare a fare una corsa."
    "Con la gonna con le frange?!"
    "Ti sequestro la Playstation fino al 2012?"
    "No, no....stai benissimo!


    ok. e ora dimmi chi ci ha separate alla nascita...:-)
    buone vacanzeeeeee
    ale

    RispondiElimina
  20. Cara Annamaria
    BUONE VACANZE -
    (mi associo a Carola per la richiesta del corso.)
    CIAO - BACIO
    Laura

    RispondiElimina
  21. ohhh che voglia di vacanze anche io. Un bellissimo racconto il tuo...veramente mi sembrava di essere in Puglia con te!!!! questo risotto e' favoloso!!!!

    RispondiElimina
  22. Buon inizio di vacanze allora! se già il posto è conosciuto e gli amici ci sono...non resta che godere il meritato relax!
    Davvero ricchissimo questo risotto! tanto pesce ed il sapore di verdure comuni....ottimi!
    baci baci

    RispondiElimina
  23. il titolo del post potrei averlo scritto io... buone vacanze e buon campeggio, sei un mito!!!

    RispondiElimina
  24. @ Grazie Valentina e buone ferie anche a te. p.s.: anch'io non butterò mai via i perizomi dei tempi andati :)
    @ Lo dico sempre Ale, dna mescolato non shakerato :) Buone vacanze anche a te!
    @ Grazie Laura...ma sai che io sono una timida :)) Un abbraccio forte.
    @Grazie mille Nicoletta. Ti assicuro che la Puglia è davvero molto bella, magari quella più discreta e defilata, meno vip insomma.
    @Grazie Ragazze! Un bacione a voi :)
    @Grazie di cuore Cristina, troppo buona! Buone vacanze anche a te!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!