Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

"Digita come mangi" e il workshop di Padova Festival Vintage


Ora posso dirlo: Il dono dell'obiquità è la condizio sine qua non per poter vivere a 360° PADOVA FESTIVAL VINTAGE, tre giorni dedicati al fenomeno vintage analizzato in tutti i suoi aspetti, compresi quelli legati al cibo.


Questo era il tema del workshop "DIGITA COME MANGI" organizzato da Alessia Marchioro con il supporto di Glenda Spiller di Fairtrade: "Scrivi la parola “food” su google e appariranno circa 2.990.000.000 risultati in 0,28 secondi. Ora, dai numeri, spostiamo la nostra attenzione sul contenuto, ovvero il cibo, la nostra ricerca invece che essere facilitata, si complica. “Digita come mangi” analizza la realtà e azzarda ipotesi sul futuro, coinvolgendo gli esponenti più intriganti del paradigma “moda/food/online” della blogosfera italiana. Il vintage come chiave di lettura del cibo, rielaborato e rivalutato dai trends della moda e del design, senza perdere di vista l’ecosostenibilità, in una prospettiva tra origini e passato."






...e il concetto "cibo" è stato analizzato in molti dei suoi aspetti, secondo le indicazioni  anticipate da Alessia.


Ho iniziato la mia analisi dal fatto che ci siamo giocati il Paradiso Terrestre dando il morso ad una mela e, agli albori del terzo millennio, passando per le "mode culinarie" delle penne alla vodka e della virale panna onnipresente nei mitici anni '80 fino all'esperienza molecolare, sono arrivata ad una semplice conclusione: senza una piena consapevolezza del concetto di "cibo etico" non andremo da nessuna parte. 
Ci siamo già giocati il Paradiso, non ci manca molto per giocarci anche la Terra.


Ecco allora la presentazione di "Gente del Fud", intesa come una vera esperienza di "blogsourcing" che grazie ad una partecipazione allargata e "vera" intende promuovere le piccole realtà produttive locali. Queste, supportate adeguatamente con la nascita dei Presidi, delle Comunità del Cibo e in futuro di veri e propri Gruppi di Acquisto Solidale, possono divenire importantissime realtà economiche "buone, pulite e giuste" come Petrini e Slowfood sottolineano da oltre vent'anni.


I singoli interventi degli altri relatori, ne sono certa, saranno presenti nei singoli blog ma vi assicuro che sono stati assolutamente illuminanti circa una migliore comprensione del fenomemo "cibo", dentro e fuori la cucina.


E dopo i lavori, e prima di tuffarsi nella caleidoscopica realtà del Festival Vintage, uno spritz in compagnia per continuare a raccontarci e a condividere una grande passione!

Le immagini a supporto dell'intervento di Roberta sull'evoluzione estetica del cibo dalla Cucina Italiana degli anni '60 ai libri di Donna Hay.






Claudia e Stefano e il loro nuovo modo di vivere il cibo con l'esperienza delle "cene al buio"...



...e con la geniale apertura del primo "Forno Publico" a Milano, antico luogo di incontri, chiacchiere ed aggregazione.

Charlotte e la sua esperienza legata ad Essen Taste, l’unica testata online dedicata al gusto all’estetica e allo stile del cibo. 



Gli shopper Fairtrade prodotti con cotone equo e solidale

E l'intervento conclusivo di Glenda per Fairtrade, un marchio di garanzia e certificazione del commercio equo e solidale.


E ora ... tutti al Festival Vintage!










Questi due tipi vintage li conosco bene, soprattutto lo splendore a destra nella foto :) mentre l'autore di tutto il reportage è Roberto (in realtà le foto scattate sono più di 200), consorte paziente (e bravissimo)!






All'anno prossimo :)

8 ingredienti:

  1. Ma che iniziativa carina!! Che peccato averla mancata!

    RispondiElimina
  2. Davvero bella! L'anno prossimo la pubblicizzo con un buon anticipo così ci andiamo insieme.

    RispondiElimina
  3. Strabiliante, ma che viaggio nel tempo! Davvero, ci devi informare così facciamo una carovana e veniamo tutte...ma le cose meravigliose erano anche in vendita? Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  4. sarei impazzita nello spazio vintage, bellissimo, interessante tutto il resto, esperienze da fare sicuramente....;)

    RispondiElimina
  5. Ciao cara!! io alla fine non ci sono neanche andata...e dalel foto vedo che mi sono persa una gran fiera!! ma la signora nell'ultima foto, sei tu?

    RispondiElimina
  6. @Ciao Patty, contaci. E ovviamente gli oggetti erano tutti in vendita (quindi dotarsi di ampio carrellino!)
    @Certo TamTam: si respirava un'atmosfera fertile, piena di energia. Bellissimo.
    @Ciao Erika, segna la data per l'anno prossimo perchè credo sarà ancora più bello. Eh si, nell'ultima foto sono proprio io... :)

    RispondiElimina
  7. Bravissima! C'e' una frase che ha detto Erri De Luca presentando a Venezia il corto che abbiamo prodotto, cioe' che da centro del Sud del Mondo con i suoi valori, siamo diventati una sfumatura del Nord... Chissa' che il ripristino dell'antico valore del cibo, dell'ambiente che lo genera e della maestria nel lavorarlo non possa diventare il Vintage del Fud (food non mi viene proprio :-))

    RispondiElimina
  8. La'nno prossimo non voglio mica perdermelo, eh no!! :-) sei veramente una bella signora, complimenti!!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!