Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

Oh Mc Donald's, se tu mi amassi! "Ma no che non ti amasso!"


Scena, interno giorno. Anzi, tardo pomeriggio, quando il sole si avvia al tramonto e ammanta di rosso le vecchie pietre a vista del Duomo.
Dentro, qualche candela accesa e il pungente profumo d'incenso.

"Quante volte, Sorella."
"Due volte, Padre."
"Non c'è due senza tre, Sorella."
"Si...lo so...Padre."
"Vorresti dirmi che hai peccato ancora?!"
"Non ce la sono riuscita a trattenermi, Padre! E' stata una tentazione troppo grande! E' come se il mio corpo avesse deciso da solo...io..io..sono una donna fragile, Padre..."
"Ma Santo Iddio, Sorella! Sembra che tu stia parlando dei California Dream Man!"
"Padre, sono fragile mica scema. Però qualcosa da tirare su c'era..eccome!"

Peccato.
Cioè non è "sono caduta nel peccato" bensì "peccato, ci sono cascata un'altra volta".
Dai vostri sorrisi birichini capisco che avete già capito. 
Niente Marchese De Sade, niente casalingue disperate, niente sextoys nè boa pitonati color fucsia.
Siamo solo in due soggetti, anche un po' monotoni, in effetti: un tiramisù e io.
Solo che il Tiramisù è quello di Marchesi e io pensavo mi facesse sentire una Principessa invece mi sono ritrovata a fare la parte di Kermit la Rana: ricordate la sua mitica espressione del volto?


Iniziamo con l'analisi organo-lettica (post ammiccante, oggi): è un bel vedere, non c'è che dire. Molto cool anche il contenitore, tronco di cono in plastica trasparente che tanto si usa nella ristorazione informale.


Proprio per lo spirito che mi anima, all'interno della mia personalissima esperienza nell'enogastronomia, ho recuperato un libro edito dalle scuole alberghiere del Veneto, "Cucina e Tradizione", riportante le schede delle ricette (ingredienti e preparazione) dei piatti più prestigiosi che la cucina della mia regione esprime, con tanto di scheda tecnica e conteggio calorie per porzione. E il Tiramisù sembra abbia visto i natali proprio in quel di Treviso.


Un "rotondo" di pan di spagna sostituisce i savoiardi, il caffè amaro viene spodestato da una bagna a base sicuramente di caffè ma indubbiamente zuccherato i cui lievi sentori, durante la masticazione, vengono prepotentemente annullati dai chicchi di uvetta sultanina presenti nel bicchierino, unitamente a qualche mandorla tagliata a julienne tostata e forse caramellata (non sono riuscita a capirlo) e a qualche candito, ingredienti che dovrebbero rievocare il panettone. 



E arriviamo al composto "liscio e denso" che dovrebbe risultare dall'unione dei tuorli sbattuti con lo zucchero e successivamente con il mascarpone.
La cremina-cremosa non è nè cremina, perchè ti impasta la lingua con grassi non meglio  giustificati, facendo soffriggere il mio cuore di dolore (con il resto degli organi fateci pure un patè che sotto Natale non si butta via niente). E non è neppure cremosa. Guardare foto, please.


Ne ho mangiati due per un totale di così tante calorie che sembrano la prossima manovra economica made Monti in quanto non volevo fare la parte di quella che "si, ma tanto tu sei prevenuta".
No.
Non sono io che sono prevenuta. Sono loro che non sanno fare il tiramisù.

Pertanto, vi inviterei a godere di uno dei più bei "minuetti" che l'arte contemporanea italiana ha saputo donarci.


E nel riportare le parole di una recente intervista rilasciata dall'a.d di mcbusinessì: «Per noi è un sogno che si avvera - commenta Roberto Masi, amministratore delegato di McDonald's Italia - per l'esperienza e la conoscenza che Marchesi porta con sè e soprattutto per lo spirito innovatore e l'attenzione alla qualità e ai dettagli che ci accomuna». vi saluto con l'atteggiamento serio e composto che una quasi cinquantenne (io) dovrebbe tenere in frangenti come questo...;)

16 ingredienti:

  1. Evviva....1 a 0 per Treviso!!!!
    Già le Beccherie sono un luogo pazzesco, dove ho mangiato benissimo almeno qualche centinaia di volte( ebbene sì, mio padre ha sostenuto la ristorazione locale con incredibili blitz in ogni ristorante della città ed ancor più del Montello), ma soprattutto hai presente che spettacolo il loro tiramisù con tanto di stemma del locale?!....irripetibile!!
    Fra pochi giorni sarò nuovamente in Veneto ed oltre a vedere gli amici obiettivo fondamentale sarà ......mangiare, non vorrei correre l'improbabile rischio di perdere mezz'etto proprio sotto le feste!!!
    Un bacione....Fabi

    RispondiElimina
  2. Musica per le mie orecchie. Nel mio blog ho già abbondantemente sparlato su questo discutibile sposalizio. Qualcuno mi ha preso addirittura per averlo assaggiato: "Mauro...ma uno come te che va al McDonald...". Bisogna prima conoscere per poi esprimere un giudizio, o meglio, punto di vista, su qualsiasi cosa. Ebbene la tua analisi non fa una piega secondo me: un prodotto scadente (il Tiramisù), affiancato ad un panino scadente. E non nel gusto (soggettivo), ma dalle materie prime (punto di vista oggettivo). Sono due prodotti che a mio parere non sanno di niente. Il grasso del tiramisù l'ho visto molto simile a quegli intrugli fatti con l'olio di palma o grassi idrogenati pur solo parzialmente...che ti si attaccano al palato anche dopo 8 bottiglie d'acqua.
    Quindi è tutto marketing.
    Ma d'altronde non potevamo aspettarci niente di diverso...

    RispondiElimina
  3. io l'ho assaggiato due volte, la prima era un venerdì sera di solitaria malinconia acuta, senza nemmeno un film da guardare e mi è quasi piaciuto.
    Ma questa volta non vale ero troppo depressa, e tutto lo zucchero deve avermi fatto bene!
    Poi ci ho riprovato e se ci penso ora sento ancora la sensazione burrosa e appiccicosa della crema.
    il iramisu' è un'altra cosa

    RispondiElimina
  4. La foto più bella???il bicchiere vuoto!Ma il tiramisù originale non si batte =)

    RispondiElimina
  5. Sei veramente bravissima: a scrivere, a cucinare a fotografare, il tutto condito con classe ed ironia. Fantastico!

    Dani

    RispondiElimina
  6. Guarda, ti stimo solo per averci provato! ;-)

    RispondiElimina
  7. Sei geniale...massima stima ;-)

    RispondiElimina
  8. @Ciao Fabiana. Sto pensando ad un tiramisù elaborato con la tua maestria, altro che!
    @Ciao Mauro e benvenuto. Sposo, anzi quoto come si dice in twitter, in toto il tuo commento. E continuo ad essere sempre più convinta che forse c'è il desiderio di dare una "ripulita" ad un certo tipo di junk food coinvolgendo nome blasonati della storia della nostra enogastronomia. Il concetto che mi pare latiti alla grande è che se si continuano ad utilizzare materie prime scadenti sempre prodotti scadenti risulteranno.
    @ Brava Alem, l'originale fatto a casa con pochi e sani ingredienti è un'altra cosa!
    @ Brava Cristina!
    @Daniela, @isaporedelmeditarraneo, @Francesca @Anny, grazie davvero di cuore!

    RispondiElimina
  9. ho apprezzato moltissimo questo tuo post, una bella analisi raccontata molto bene con una bella dose di ironia.... complimenti

    RispondiElimina
  10. leggerti è per me un piacere sempre più grande!

    RispondiElimina
  11. @Grazie mille Gunther; son sempre più convinta che con un sorriso alle volte si riescono a dire molte più cose che urlando a squarciagola :)
    @Troppo buona Monica!

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. This blog is so nice to me. I will continue to come here again and again. Visit my link as well. Good luck
    cara menggugurkan kandungan

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!