Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

"Acquistare un cane può essere l'unica opportunità per un essere umano di scegliersi un parente." Mordecai Siegal


Qualche tempo fa, durante un quarto d'ora di chiacchiere in libertà con l'amica Barbara, partimmo con il ricordo di noi adolescenti e poi ventenni, con tutte le timidezze e le insicurezze tipiche dell'età, per arrivare al quesito "chissà come ci si corteggia nel terzo millennio!". 
"Secondo me il supermercato è ancora il luogo principe per cuccare!" esclamai ad alta voce.
E, come avrete oramai compreso, "mi partì" la sceneggiatura.

Si, perchè dai corridoi del liceo, alle festine clandestine e ai torridi e silenziosi pomeriggi estivi sono piombata tra gli scaffali e le testate di gondola dei supermercati, ai quei leggeri cestini, quasi da single, al cui interno vengono gettate quasi a caso mozzarelle in offerta e buste di salmone, dentifrici miracolosi e detersivi concentrati mentre lo sguardo assassino vaga ravanando all'interno del contenuto di altri cestini per capire, visto l'avvicinarsi dell'orario di chiusura, se vale la pena partire con la fase due del corteggiamento o tirare dritto. E condividere le bollicine, che da troppo tempo sono parcheggiate in frigo, con un buon libro, un buon film o un buon cuscino.

"Ma no", mi apostrofò Barbara, "ora si cucca tantissimo nelle lavanderie a gettone!".
Caspita! Eccomi proiettata tra gli oblò in colorato movimento di quegli spazi che da qualche anno a questa parte hanno iniziato ad essere presenti nelle nostre città. Aperti dalle 7 di mattina alle 10 di sera, attrezzati con distributori di cioccolata calda, salatini e bustine di detersivo, gli annunci più improbabili in bella mostra sulla bacheca posta sopra il tavolino d'ingresso dove le riviste dimenticate da tutti diventano motivo di chiacchiere, mentre si aspetta che finisca la centrifuga a 4G, che neanche un top gun.
Ma dove sta l'aspetto aumma-aumma della lavanderia? Ma durante l'operazione "piegamento biancheria", ovviamente! 
C'è chi la mette alla rinfusa nel sacco con la quale l'ha portata, chi invece divide i calzini e gli asciugamani in ordine di grandezza e di colore e li ripone metodicamente negli appositi contenitori, che troveranno posto direttamente nell'armadio, chi piega distrattamente un bolo in tessuto mentre parla al cellulare e impila bavaglini e perizomi leopardati. E c'è sempre chi decide di lavare la randa o il fiocco della barca e ovviamente ti chiede una mano per piegare adeguatamente le vele che sanno di ammorbidente alla fragola :)



E invece no! Da recente esperienza sul campo, come una novella reporter d'assalto (novella, beh, usata ma tenuta bene, diciamo..), sprezzante del pericolo e con il cuore oltre l'ostacolo posso dirvi che il modo migliore per cuccare è....girare con Maggie al guinzaglio. E non serve neanche andare in centro all'ora dello spritz!
Sarà che la "piccola" Maggie è ancora cucciola ed ispira tenerezza, tanto quanto ne ispiro io quando lei decide di cambiare traiettoria senza avvisarmi (da qui un consiglio: durante il rodaggio rinunciate al tacco alto. Si può essere seducenti anche con un bel paio di anfibi)...
Sarà che le case italiane ospitano milioni di pelosi a quattro zampe, conseguentemente muniti di pelosi a due zampe...
Sarà che ci sono tante persone sole...ma non avrei mai pensato di essere fermata ogni 3' da perfetti sconosciuti, e sconosciute, ispirati dalle orecchie enormi di Maggie ed incrociare sguardi, confidenze e guinzagli.
Ecco...se poi vi raggiungono le Creature e il vostro sconosciuto interlocutore esclama "Ma lei ha avuto i figli alle elementari!"...beh, fa tanto bene all'ego quanto una verticale di leccate del mio piccolo tzunami peloso ;)


Labna con pasta di pistacchio ovvero un formaggio di yogurt che arriva dalla mezzaluna fertile.

Il labna è il formaggio più semplice e buono che esista al mondo: mezzo kg di yogurt, una presa di sale, un contenitore forato, tipo quelli con i quali si acquista la ricotta, qualche garza pulita e il gioco è fatto.
Mescolare bene lo yogurt per distribuire la presa di sale, ricoprire con la garza il contenitore forato, versare il liquido, mettere in contenitore sospeso in un altro contenitore così da raccogliere il siero che si verrà a formare e conservare il tutto in frigo. Attendere dalle 4-6 ore in poi per avere il vostro formaggio spalmabile a seconda della consistenza che desiderate ottenere.
A questo labna ho aggiunto una pasta di pistacchio ottenuta frullando, con molta attenzione, 2 cucchiai di pistacchi, 1/2 di mandorle, 1 cucchiaio di zucchero a velo  aggiungendo poche gocce d'acqua fino ad ottenere un composto morbido, quasi un marzapane. L'ho mescolato con un po' di latte condensato per dolcificarlo ulteriormente (a gusto proprio) e ammorbidirlo ulteriormente, l'ho unito allo yogurt precedentemente addizionato con la presa di sale e l'ho messo in frigo; può essere gustato così, a cucchiaiate, per togliere in maniera sana un'improvvisa voglia di dolce oppure come farcia per una cheesecake profumatissima.

4 ingredienti:

  1. LA ricotta al confronto "scompare" davanti a cotanta poesia e maestria. Per inziare bene il lunedì, ci voleva proprio.....
    Eolo

    RispondiElimina
  2. Cara Annamaria - novella reporter ben tenuta-
    ciao - anch'io ho sempre sostenuto la tesi che con un cane a passeggio si cucca , ma un altra mia tesi è quella del cimitero, dove le persone si incontrano e si scambiano ....la solitudine è una brutta compagnia...
    io ho solo tre gatti, quindi la vedo dura portarli a spasso , chiederò al vicino di prestarmi il cane... adesso vado il supermercato a comperare lo yogurt e farò attenzione ai carrelli e ai cestini...
    ciao-un bacio laura

    RispondiElimina
  3. @Grazie Nathalie :)
    @Chi ben comincia è a metà dell'opera, hai ragione Eolo. Buona settimana a te!
    @Laura, è sempre un piacere leggerti. Un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!