Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Una buona cena porta alla luce tutti i lati più teneri di un individuo. Jerome Klapka Jerome





C'è un libro di ricette che amo particolarmente, ricette che sto studiando, in quanto non fanno parte della mia tradizione "familiar-culinaria", e proprio per questo motivo non avevo mai postato. Un senso di pudore forse, un grande rispetto, sicuramente

Il libro "Ricette ebraiche. Racconti e ricette di tutto il mondo" di Clarissa Hyman (Guido Tommasi Editore) è esattamente quello che intendo io per libro di cucina: racconti e ricette, passioni e odori, colori e ingredienti, sorrisi e allegria. Viaggio. E tanto, tanto amore. 
Perchè per arrivare allo stomaco bisogna passare per il cuore.



Sfogliando le pagine di questo libro è come passeggiare tra le vie di paesi lontani, scegliere le verdure per il pranzo dal negoziante sotto casa, fermarsi a chiacchierare con la signora che sta facendo la spesa prima di noi, sorridere al bimbo che ci sta guardando incuriosito e un po' sornione protetto dalla figura della madre, ascoltare le confidenze dell'anziano che cerca in un commento ad alta voce un pretesto per sollevare la stanchezza che la solitudine gli appesantisce il cuore.

Le porcellane che si sono salvate dalle fughe e dai lunghi viaggi, gli interni delle case ricchi di ricordi e di sentimenti, le etichette colorate che rallegrano le vetrine e gli scaffali di piccoli negozi di quartiere, le vie di paesi lontani che ricordano quelle nelle quali si sfocano i ricordi dell'infanzia o della giovinezza.
E poi la contaminazione: sentimento che sento sempre più forte in me e che rende davvero viva la cucina di qualsiasi popolo. Un divenire continuo. Una maieutica dei sapori e dei saperi.

Una carota è pur sempre una carota e un pollo è pur sempre un pollo ma sono le storie e i sentimenti che guidano le mani che mondano la carota e cucinano il pollo che rendono quel piatto davvero unico, che sia esso cucinato a Curaçao, ad Amsterdam o nella cucina di un paese immersa nella nebbia padana

Come se quel piatto avesse radici. Come se quel piatto non avesse radici.


Zuppa di pollo con vermicelli (ricetta ebraica)

Ingredienti

1 pollo "Campese" Amadori, 2-3 lime freschi, 3 gambi di sedano (e qualche foglia che profuma maggiormente il brodo), 2 peperoni verdi, 1 cipolla piccola, 1 spicchio d'aglio, 3 carote, 2 cipollotti, 2 pomodori tritati, 2 cucchiai di passata di pomodoro, dado vegetale fatto in casa (sarebbe meglio), 4-5 patate a pasta gialla a pezzettoni, 100 gr di vermicelli (o un po' di più se desiderate), salsa worcester, sale.

Procedimento
Lavare il pollo e strofinarlo con il succo di lime.
Tagliare a spicchi la cipolla, in dadolada il sedano, i peperoni e le patate, a rondelle le carote, tritare aglio e cipollotti. Metterlo in una pentola capiente con le verdure (tranne le patate), la passata di pomodoro e coprire di acqua. Portare a ebollizione schiumare, abbassare la fiamma e cucinare coperto per circa 45'.
Filtrare il brodo e aggiungere il dado vegetale (o regolare di sale). Disossare il pollo e tagliare la carne a pezzettini. Togliere tutte le verdure mettendo da parte le carote.
Cucinare le patate nel brodo di pollo e quando sono quasi pronte aggiungere i vermicelli. Unire il pollo e le carote e mescolate il tutto. Profumare con qualche goccia di salsa Worcester.

6 ingredienti:

  1. Finalmente riesco ad esser il primo! Se fossi un maestro, leggerei questa ricetta in classe, facendo dei riferimenti alla storia di questo popolo, insegnando il rispetto per le persone anziane e la cortesia incondizionata anche nei confronti dell'ortolano sotto casa. Ogni post dona un "bouquet" di sensazioni. Sempre +, complimenti.
    Eolo con il sorriso in questa giornata "nebbiosissima".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Eolo e grazie per aver colto "i raggi di sole" che ispirano le mi "elucubrazioni" culinarie. Un abbraccio :)

      Elimina
  2. Ce l'ho anche io quel libro! E lo adoro! ^__^
    E' uno dei miei preferiti, e le ricette che ho provato sono sempre state un successo!
    Anche io amo particolarmente le ricette con una storia. Le rende più vive e emozionanti :)
    E infatti i miei libri di cucina preferiti, sono proprio quelli che non si riducono a mero elenco asettico di ricette, ma quelli che volendo si possono leggere quasi come un saggio o un romanzo.
    :)
    Irma

    RispondiElimina
  3. ho un libro di cucina ebraica italiana..sogno di prendere il classico di Claudia Roden The Book of Jewish Food: An Odyssey from Samarkand and Vilna to the Present Day
    Mi frena solo il poco tempo per leggere... e per fare le cose. E' da leggere anche la sua cucina del Mediterraneo o quella sulla cucina spagnola. Mi hanno detto meravigliosi.
    Tornando al pollo... intrigante e da fare.
    Ciao

    Clelia

    RispondiElimina
  4. Magnifica ogni tua parola. Splendido il calore della tua ricetta. Bravissima.

    RispondiElimina
  5. @Irma benvenuta! Sposo in toto ogni tua parola!
    @Ciao Clelia, bisognerà fare un giretto in libreria insieme, uno di questi giorni ;)
    @Grazie di cuore Anna Maria e buona domenica.

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!