Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Mamme 2.0 e il sapore della tradizione


Qualche settimana fa, aiutando mia madre a liberare parte della soffitta, una specie di scrigno magico si aprì ai miei occhi: il mitico baule color verde bottiglia con i ganci di chiusura in metallo dorato che tanto mi aveva affascinato da bimba era diventato finalmente accessibile. All’interno, riposti con l’ordine dei tempi andati una serie di abitini da neonata, qualche fotografia dal bianco e nero ancora sfavillante, dei diari. E poi, conservati con la cura che si riserva ai documenti più preziosi, le ricette scritte a mano dal pediatra al quale la mamma si era affidata per la mia crescita .

In questi foglietti di carta leggera e preziosa erano riportati in bella grafia e con l’inchiostro reso verdognolo dal tempo non solo i consigli puramente medici ma anche le ricette specifiche per lo svezzamento. Inizialmente pochi ingredienti: la mela, la banana o la pera. Poi il brodo vegetale profumato con la carota e la zucchina, la pastina sottile, il pezzettino di carne per un brodo un po’ più sostanzioso e finalmente il primo incontro con pesce. Un percorso da affrontare un po’ alla volta, con la calma e l’attenzione che serve per far diventare una piantina un albero forte e pronto ad affrontare le intemperie della vita.

Ma quello che divenne poi spunto di riflessione è stato sicuramente l’attenzione per la bontà degli ingredienti: le verdure dovevano essere dell’orto, l’uovo acquistato magari dal contadino e il pesce “autoctono” quasi a voler sottolineare un “km zero” che quarant’anni dopo è diventato sinonimo di valore aggiunto. Il senso della stagionalità e il rispetto per quello che la natura, da tempi immemori, offriva, si evincevano dalla sequenza nella quale era consigliata la frutta da proporre alla piccola, ovvero io, che stava crescendo


Poi, qualche mese fa, una notizia inaspettata. La migliore amica di mia figlia ventiduenne, studentessa universitaria e convivente da un paio d’anni con l’amore della sua vita ha preso una decisione controcorrente rispetto a quanto accade nel nostro paese ma assolutamente normale per le giovani coppie europee da Berlino in su: fare i figli giovani, per crescerli con l’entusiasmo e la sana incoscienza di chi non ha ancora 30 anni. E mi sono fatta subito questa domanda: ma come fanno le mamme del terzo millennio? Ho cresciuto i miei figli tra il 1989 e il 1997 quando il www o non esisteva o era privo di contenuti inerenti la quotidianità e i miei dubbi trovavano risoluzione soprattutto consultando libri e riviste, come accadeva fino a qualche tempo per la maggior parte delle persone con le ricette. Se mi affido alla tastiera di computer per sapere la tecnica del brasato al barolo la stessa cosa può avvenire con la prima minestrina da grande del mio cucciolo! E i dubbi da risolvere non finiscono certamente qui: è importante sapere se l’albume è digerito più facilmente del tuorlo, se lo yogurt lo posso dolcificare con il miele, se posso dargli un pezzettino di pane dalla crosta dura così che possa dare un po’ di sollievo alle gengive mentre impara a riconoscere un gusto diverso ed ugualmente accattivante dal latte materno.


Così ad ogni mia domanda la rete ha risposto con decine di link, forum, consigli, spiegazioni, avvertimenti e in questo web-viaggio ho incontrato Alimentazione Bambini il sito che Coop ha elaborato per le esigenze specifiche dei bimbi e delle loro mamme: la prima ricetta che ho scelto quasi a caso, quella di una minestrina con il pesce, mi ha ricordato, se mai ce ne fosse stato bisogno, dello spirito che anima l’impegno della Coop. L’elenco degli ingredienti era profumato di buono e soprattutto di giusto, perché l’educazione alimentare dei nostri bambini inizia da prima della loro nascita, con la consapevolezza di un consumatore attento e di un marchio distributivo che mette l’etica alla testa di tutti i propri valori.

I miei figli sono grandi ora e molte volte, quando rientro tardi dal lavoro, trovo la dolcissima sorpresa di una cena preparata di tutto punto: figuratevi il mio stupore quanto l’altra sera entrando in casa ho scoperto che stavano preparando un “happy hours” con le polpettine di pesce che avevano trovato nel sito sul quale stavo appunto navigando.
E’ proprio vero che ad essere buoni c’è più gusto.

english version webflakes.com

11 ingredienti:

  1. bellissimo post molto emozionante, anche io conosco il sito della coop e lo trovo molto ben fatto poi sai anche io sono diventata mamma molto giovano ero incinta a 19 anni e sono diventata mamma a 20, 22, 30, 33 adesso credo di aver dato tanto :D e penso che è bello diventare mamma a 20 e a 30, nel primo caso l'incoscienza ti fa vivere tutto con una energia diversa, nel secondo caso dai più importanza a certe cose che prima non prendevi minimamente in considerazione e mi sento in colpa di "errori che ho fatto prima"

    RispondiElimina
  2. Sei un portento! Sei un concentrato di amore, potenza, energia e anche incoscienza perché un progetto di vita così travolgente lo si affronta pianificando ma anche vivendo alla giornata. E sentirti in colpa deve essere l'ultimo sentimento da provare; anch'io con Enrica, 22 anni, ho assunto degli atteggiamenti che con Edoardo, 15 anni, poi ho ritenuto inutili. Ma le decisioni le prendi grazie all'esperienza e il lavoro del genitore è assolutamente privo di tirocinio! Ho imparato che lasciarsi guidare dall'amore, alla fine, è sempre la bussola migliore. I tuoi figli sono dei ragazzi fortunati :)

    RispondiElimina
  3. beh grazie anche tu per me sei un mito e mi sembra di avertelo già detto <3.... putroppo anche se fosse inventato un manuale per noi genitori credo he non sarebbe poi cosi utile perchè ogni figlio è diverso come noi genitori siamo diversi l'uno dall'altro quindi a parte poche linee guida nulla può essere applicato universalmente a tutti....in questo periodo ti dico solo ch esto vivendo un periodo allucinante cin una figlia in piena adolescenza ed un'altra che ci sta entrando, ma ora che so che anche tu hai figli così grandi magari ogni tanto vengo a bussarti alla porta :)

    RispondiElimina
  4. Questi redazionali sono piacevoli anche per chi non ha un bebè. Se tutti imparassimo a mangiar meglio, si vivrà anche meglio! Eolo

    RispondiElimina
  5. La ricetta va bene anche per i più grandi? Gerry

    RispondiElimina
  6. @Mamma Papera, guarda che mi fai arrossire: Io ho solo due figli ma la differenza di età fra loro, quasi 8 anni, mi garantisce vent'anni di adolescenza assicurata: ho quasi finito con le giornate storte di Enrica giusto in tempo per ricominciare con i brufoli di Edoardo :D quindi sono ancora nel bel mezzo del cammino e farlo in compagnia è sempre un piacere (ti aspetto!)

    RispondiElimina
  7. Ciao Eolo e grazie! E quindi aspettiamo una tua ricetta del buon vivere :)

    RispondiElimina
  8. @Ciao Gerry, direi di si. Anche le ricettine per i bimbi piccoli piccoli possono essere apprezzate dai più grandi. Gli ingredienti come il pesce, l'olio evo, la frutta e la verdura di stagione se usati fin nell'alimentazione dei più piccoli non possono che essere apprezzati anche da adulti, anzi adulti sani!

    RispondiElimina
  9. Non ti conoscevo sotto questo profilo. Devo dire che sei una chef a tutto tondo, e con piacere ti si legge! Laura

    RispondiElimina
  10. Interessante esser una mamma 2punto0. Interessante la tua disamina e il sito da cui prendere spunti.

    RispondiElimina
  11. @Grazia Laura!
    @Ciao Clelia, noi eravamo mamme del secolo scorso ma non è mai detto ;)

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!