Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

"Venezia Gaia" con duo acustico e un dolce delle "Tre C"


Ogni promessa è debito ed ecco il primo post, e relativa ricetta, che racconta un po' della cucina vagabonda delle ultime settimane.
Si tratta di rimettere in ordine tra appunti, foto, ricette, emozioni e in questo caso anche canzoni, la chitarra di Gil e la voce di Paola, ed immagini, quelle riprese dallo staff della Webtv dello Sherwood Festival, giunto alla dodicesima edizione.


Dietro pochi minuti di trasmissione c'è l'impegno, l'energia e la competenza di molti giovani che di volta in volta diventano sempre più bravi.
Prove su prove e poi una risata liberatoria che scioglie la tensione e dona la giusta energia.

La storia raccontata lo scorso 13 luglio è stato un viaggio goloso nella "Venezia Gaia" con la fantasia: una passeggiata tra Rialto, l'Arsenale e il Rio delle Carampane con le canzoni che potete ascoltare qui e con la ricetta della Torta Nicolota, ricevuta da Lorella durante il Taste and Match dello scorso gennaio e modificata, rendendola ancora più...gaia!


Torta di pane delle “Tre C”: cioccolato, caffè e cardamomo

Ingredienti
400 gr di pane raffermo, 5 uova bio, 150 gr di cioccolato fondente tra il 54% e il 62%, 2 arance bio, 200 gr di zucchero di canna, 100 gr di burro chiarificato, 1 lt di latte intero, 1 cucchiaio di caffè Illy arabica 100% in polvere, 1 cucchiaino di semi di cardamomo macinati.

Procedimento
Portare a bollore il latte con lo zucchero, il burro, il caffè per sciogliere bene sia il burro che lo zucchero. In una ciotola capiente unire al pane raffermo tagliato in tocchetti regolari il latte bollente: lasciarlo riposare fino al raffreddamento oppure un'intera notte (meglio).
Sbattere appena le uova con il cardamomo e la scorza di un'arancia grattugiata con la microplane. Tritare con un coltello affilato il cioccolato fondente e ricavare delle zeste con il zester dall'arancia rimasta.
Mescolare anche con le mani, perchè no,  (o se avete la planetaria usate la frusta a foglia) l'impasto di pane e latte con le uova profumate al cardamomo e per ultimo unite lo sbriciolame di cioccolato.
Cucinare nel forno statico già caldo a 200° per 50', utilizzando una teglia rettangolare ben imburrata.
Lasciate raffreddare e servite la torta tagliata in dadolada, decorata con zucchero a velo e le zeste d'arancia.


Ci vediamo alla prossima serata gastromusicale!

english version webflakes.com

4 ingredienti:

  1. Wow che buona dev'essere anche così! La proverò sicuramente. Io, invece, per la serata del redentore ho fatto quella tradizionale come da ricetta. Apprezzatissima ancora una volta.
    Un abbraccio e grazie! :)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione. Diventa più buona ogni volta che la preparo...e se pensi alla semplicità degli ingredienti e del procedimento! Grazie a te :)
    p.s.: guarda che ad ottobre ci sarebbe da organizzare un nuovo taste and match....;)

    RispondiElimina
  3. Buona la torta, quanto di meglio il reciclo può darci. Tra telecamere e fotografi sembra un set cinematografico, forse qualcuno si accorgerà che "i tuoi spettacoli" sono così speciali....

    RispondiElimina
  4. Sono davvero tutti molto bravi e sempre più professionali. La prossima volta potresti venire a vederci dal vivo: così potrai assaggiare la torta!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!