Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

"L'amore è eterno finchè dura". Consoliamoci con una millefoglie di sgombro e grenny smith al cardamomo


I tempi dilatati della vacanza, e una certa informalità tipica del campeggio, mi permettono di rilassarmi con uno dei miei passatempi preferiti, ovvero essere la mia "voce narrante" di una quotidianità semplice. Soprattutto durante questa estate così strana, quella della profezia dei Maya prima di Natale, del caldo oltre ogni immaginazione, dei pochi soldi in tasca e del recupero delle rive dei fiumi come luoghi di balneazione, come ci raccontavano i genitori o i nonni.

Di solito amo ascoltare gli anziani, soprattutto al mercato, dove tra due zucchine troppo care e un pesciolino "per il gatto", sono pronti ad aprirti il cuore colmo di ricordi e di qualche dolore che, condiviso con un estraneo, diventa improvvisamente più leggero da sopportare.


Sono invece i giovani che andrebbero ascoltati un po' di più, anche per capire dove sbagliano. E dove abbiamo sbagliato noi.

Al bar l'altro giorno attorno ad un tavolo e ad un caffè (il resto è uscito dagli zainetti) sei ragazzi appena ventenni discutevano di amore, coppia, progetti, sogni.

"Non capisco tutta questa storia attorno alle coppie di fatto" chiosa il fratello pettinato di Caparezza "se uno vuole si sposa, altrimenti non si sposa. E poi, a chi serve sapere se io convivo o meno con la mia ragazza?"
"Esatto, magari stiamo insieme così. Se volessimo fare le cose serie ci sposeremo, no?" gli fa eco un altro ragazzo
"E poi per sposarsi ci vuole una ragazza che ci crede alla famiglia, che si prende cura dei figli, della casa. Altrimenti chi lo fa? Per forza poi i ragazzini crescono sbandati!" incalza un biondo con la maglia del Che.

.....aspettavo che da un momento all'altro uscisse dai loro corpi Sant'Agostino, il dottore della Chiesa convinto del fatto che le donne nascevano senz'anima e che la recuperavano nei 40 giorni successivi, come ad un tagliando.....

"Se la mia ragazza mi chiedesse la separazione dei beni so già che non vuole fare le cose seriamente. Perché, scusa, vuoi dividere i beni? Vuol dire che non ti fidi di me? E allora, secondo te, io cosa devo pensare? Che sei giusta per il matrimonio?! Allora resta da dove sei venuta!" riprende il capellone pettinato.
"Mah, non la farei così grave. Magari lei viene da una famiglia dove c'è qualcosa e la vogliono tutelare. Che ne so, una casa, una fabbrica..." analizza il commercialista del gruppo.
"Non mi andrebbe di sposarmi una che guadagni più di me. Poi vorrebbe delle robe, che ne so, magari di decidere lei su tutto" chiude la discussione quello che chissà per quale motivo, forse un affarone al mercatino dell'usato, indossa la maglia del Che.

.....no, non è uscito Sant'Agostino, ma sicuramente i membri della Commissione che stanno stravolgendo la Costituzione in Tunisia, altro che primavera araba.....



Improvvisamente l'oggetto della conversazione cambia e si passa alla cerimonia d'inaugurazione delle Olimpiadi 2012 e sulla fugace apparizione della Rowling, la mamma di Harry Potter.

"Belli i suoi libri! Ho davvero sognato ad occhi aperti ad ogni pagina e poi era come crescere con Potter. Figo!" esclama il commercialista del gruppo che evidentemente ha un'anima.
"Ma lo sapete che è la donna più ricca di Inghilterra? Cavolo, a scrivere libri!" gli fa eco un tipo occhialuto e fino ad allora silenzioso.
"Pensa te, passi a pulire scale e fare altri lavori per mantenere i tuoi figli e scrivi di notte. Hai successo e improvvisamente quello stronzo del tuo ex vuole metà del patrimonio!" esclama il capellone che evidentemente ha accesso a Novella 2000 della mamma.
"E infatti non si è più risposata e vive in solitudine." chiude l'occhialuto mentre mi verrebbe spontaneo rispondere "Ecco un esempio di cosa serve la separazione dei beni, tesorini cari."

Si alzano e se ne vanno e le loro parole mi lasciano più amaro in bocca del terribile caffè che in questo bar si ostinano a servire.

L'amore, sentimento che avrebbe dovuto far palpitare cuore e frattaglie di questi ragazzi che si stanno affacciando alla vita, è ridotto alla sottoscrizione di un pezzo di carta che consente alla parte maschile di una copia eterosessuale (visto i presupposti non oso pensare ad altro) di considerare quella femminile alla stregua di una colf-babysitter-badante priva di alcun potere "contrattuale", essendo priva di mezzi propri. E se per caso ha la forza di volontà e la capacità di ottenerli finirà come le eroine cattive dei romanzi di fine '800 "sole e lontane dal mondo". Tiè, zitella fin nel DNA. E pure un po' cozza.

"C'è del marcio in Danimarca" affermava l'Amleto.
Qui c'è solo del vuoto.


La tristezza si scaccia ai fornelli! Magari con una ricetta (appena un pò modificata, lo confesso) che ha presentato lo chef Andrea Alfieri durante una trasmissione televisiva del canale Vero Tv, alla quale ero presente in veste di "ospite scrittrice e cuciniera" (ok, foodblogger :)

Millefoglie di mele e sgombro al cardamomo con salsa allo yogurt

Ingredienti (per 4 persone)
2 mele granny smith, 2 sgombri piccoli, 40 gr di yogurt magro bianco, cardamomo in polvere, farina 00, olio evo, sale, pepe nero lungo macinato al momento, ½ cucchiaio di trito aromatico fresco con rosmarino e santoreggia.

Procedimento 
Condire con sale, pepe e olio lo yogurt. Unire il trito aromatico e mettere da parte. Setacciare un paio di cucchiai di farina con ½ cucchiaio di cardamomo in polvere.
Tagliare con un coltello Santoku Zwilling lo sgombro in fettine rettangolari, infarinarle e rosolarle velocemente in poco olio evo.
Tagliare le mele a fette di 1/2 cm.
Alternare le fette di mela con lo sgombro formando una millefoglie, condendo ogni strato con un po' di salsa e decorare con qualche ago di rosmarino fresco.


23 ingredienti:

  1. che dire....a guardare, ascoltare i ragazzi ( e non solo ) di oggi il sapore che rimane in bocca non è solamente l'amaro del caffè, ma qualche cosa di meno pronunciabile a bruciapelo! ora poi dovrò anche spiegare alla mia cucciola perchè, un ragazzo da lei ammirato da anni, all'apparenza di sani principi, protagonista di uno sport " povero " che l'ha reso famoso nel mondo, decide di doparsi per essere ancora più forte di quanto già non sia di suo. contro quali esempi e stimoli nefasti dobbiamo lottare, noi genitori normali, per indirizzare i nostri figli ad una vita dignitosa, rispettosa e appagante solo per la meraviglia che racchiude in sè? mala tempora currunt!!! sempre in attesa di risposte ;)...un abbraccio da brontolo

    RispondiElimina
  2. Accipicchia.. che pensieri.. profondi.. un abisso di inettitudine!
    Bello il millefoglie, originale e fresco!

    RispondiElimina
  3. @Ciao Brontolo, gioventu' bruciata, verrebbe da dire o forse inebetita dalle lusinghe di un mondo che, questo si e' da augurarselo, verra' spazzato via da un po' di sana e semplice concretezza. Qualita' femminile :)
    @Grazie Barbara, originale il mille foglie e come dici tu molto meno di discorsi dei ragazzi al bar. Se avessero avuti 70 anni avrebbero detto cose quantomeno piu' interessanti

    RispondiElimina
  4. Freschissimo!! buonissimo alla vista e suppongo anche al palato!!... Doping?? ma se ci sono decide di dirigenti che falsificano bilanci, che fanno lavorare in condizioni pietosi i proprio operai e sfruttano al limite della sopportazione le "maestranze". Corrotti, ladri e uomini "malsani nella mente" vivono a Roma da decine di anni!!! E' da punire certo l'illecito di un uomo che "sulla sua pelle" ha voluto arrivare davanti a tutti, la punizione è da esempio. Ma la casa di Lusi?? non andrebbe appeso a testa in giù per almeno una decina d'anni! Lo sport è sport, chi si dopa rovina solo se stesso, chi ruba i soldi di tutti non farà mangiare un piatto così prelibato come quello che abbiamo ammirato oggi alla bambina dell'operaio che per colpa del "padrone" che vuole girare in porsche non pagherà le tasse e metterà tutti in cassa integrazione. A mio figlio insegnerei a rispettare la natura, se stessi e il prossimo, basterebbe così poco. Il maratoneta ha preso una medicina per andare più forte, è come andare oltre il limite in autostrada. Eolo Inquisitore.

    RispondiElimina
  5. i refusi fanno parte del pensiero animato di un eolo scapigliato! Eolo

    RispondiElimina
  6. @Eolo, caspita! Ma chi ti ha fatto girare i cabassissi (citando Montalbano) in questo modo?! Da come scrivi mi pare che sai cose di sport che noi "umani" non sappiamo e proprio oggi leggevo che la dirigenza del Coni e' la stessa da trent'anni. Tuo figlio e' un bimbo fortunato.

    RispondiElimina
  7. Paiono dei discorsi infarciti di luoghi comuni sentiti da qualche genitore ignorante e inacidito. E' la sovrapposizione con la maglietta di Che Guevara che stordisce: qualunquismo e consumismo fagocitano tutto.
    Comunque, se vogliamo capire perché tante donne sono sole, perché sono loro le prime a separarsi e perché dalle coppie viene fuori sovente un abisso di squallore, qui c'è un bel materiale.
    Gli sgombri me li salvo, anche se dato che è un pesce molto grasso e saporito di suo sarebbe stuzzicante riuscire a cuocerli senz'olio.

    RispondiElimina
  8. Non tutti i giovani parlano così o sono disimpegnati, dipende anche da quello che hanno respirato in casa, gli esempi, poco, ma contano, se non hanno mai visto un quotidiano, ma solo Novella 2000, è facile che da grandi non leggeranno alcun giornale, è anche vero che spesso il gruppo conta più degli esempi della famiglia, ma si torna al discorso di prima, dipende da chi frequentano... questo discorso è anche un po' razzista, non mi piace farlo, ma in una città come Roma, il quartiere è determinante per la formazione di un adolescente....
    Non voglio parlare dei miei due, ma posso dire di essere contenta del risultato....
    La tua ricetta la devo provare, ma anche io ho in mente una modifica, te la farò vedere...un abbraccio e spero tu sia stata bene nella mia terra di toscana...

    RispondiElimina
  9. Mi sono stupita di aver a che fare con ragazzi cosi' giovani. Come dice @Tamtam dipende sicuramente dal clima familiare, dalle letture, dai giochi, dai film e dai musei che "impari" ai tuoi figli fin dalla nascita. Diciamocelo, una gran fatica. Ma sulla lunga distanza i risultati pagano e magari, come dice @Pellegrina, ti ritrovi una figlia che gira per casa con Kafka e poi ti fa "e' meno pesante lui di certi ragazzi" :)
    Circa le modifiche sono curiosissima! E per la cottura senz'olio evo, anche se davvero un filo, d'accordissimo, ma qui in camper giro con l'alluminio, piu' leggero. Con una ghisa tosta tutta un'altra storia!

    RispondiElimina
  10. ciao eolo inquisitore, non voglio polemizzare, ma il danno causato all'immagine del paese da questo personaggio " in vista " è peggiore dei milioni rubati dai soliti lusi, bossi, poggiolini, craxi ed elenco interminabile a seguire. mi pare che gli italiani onesti, che lavorano siano molto più numerosi dei ladri criminali e mafiosi, ma lo stereotipo dell'italiano all'estero è il camorrista spaghetti e mandolino. come dice basilio a don bartolo : la calunnia è un venticello..... è mia opinione, che questo isolato e autonomo episodio, rischi di offuscare, agli occhi del mondo, le splendide presenze delle vezzali, delle idem e di tutti gli atleti che, con il proprio sacrificio, stanno onorando lo sport ed il nostro paese in questi giorni : italiani...ladri una volta..ladri sempre. buona giornata da brontolo

    RispondiElimina
  11. Molto interessante ed attuale la tua presentazione al post!!!ottima la ricetta,attrae molto in queste giornate così afose,fresca e gustosa,insolita...complimenti!!!una felice serata

    RispondiElimina
  12. Guarda, giusto oggi in metro ascolto due ragazzini non ancora ventenni disquisire di "torta frangipane". Sì, proprio così. Uno, faccia da lenza, raccomandava all'altro, più ingenuo, di metterci sopra "mele, pinoli e soprattutto rosmarino" per portarla alle feste. L'altro aveva l'aria adorante di chi se la sarebbe mangiata lì per lì come non avesse mai assaggiato nulla in vita sua. Estrazione sociale a mio giudizio tutt'altro che modesta, ma non ostentata, vestiti sobri ma non banali, accento relativamente neutro (in una città in cui la cafonaggine burina impera è un segno importante). Ero a bocca aperta dopo aver letto il post e li ho perfino tallonati sperando di cogliere altri particolari, ma c'era un tale rumore nel vagone che sono rimasta a metà della conversazione. Ho capito però che dalla torta erano passati a discutere di fois gras. Che ci sia speranza per la gola se non per la vita ;-)?

    RispondiElimina
  13. Per adesso, ancora, i miei inneggiano all'amore puro e vero, anche se, o proprio perché, io dico sempre che l'amore va e la bellezza svanisce, mentre la povertà resta...
    Scherzi a parte, te lo dico che questo piatto è da sballo?

    RispondiElimina
  14. @Brontolo, come contraddirti? Soprattutto alla luce di quanti stiamo vivendo e di come siam riusciti a buttar via 30 anni di impegno e occasioni per il nostro paese. Spero poi ritorni anche Eolo cosi' da risponderti.
    @grazie mille Antonella! E se ti dovesse capitare di provarlo dimmi se ti e' piaciuto!
    @Pellegrina che dire? Leggere ora le tue parole e' come il sorgere tardivo della luna piena: un lampo di luce nel buio della notte. Sono certa, e tu lo testimoni, esistano ragazzi ricchi di valori e di entusiasmo. E se questo passa per la cucina, senza reality deprimenti o webinvidie, e' la luce del Sole sommata a quella della Luna!
    @Ciao Stefania! Sempre troppo gentile e i tuoi piccoli grandi uomini sapranno darti delle soddisfazioni grandissime! Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  15. Brontolo, mi spiace contraddirti, ma di dopati ce ne sono a centinaia (dal calcio al ciclismo) a partire da decine di dottori ed avvocati che ogni week end riempiono le corse dei circuiti nazionali (mi sembra che alla gara delle dolomiti ce n'erano + di 1000, dove una bici con cambio elettronico costa dai 10 ai 15 mila euro. Probabilmente, chiunque di noi per finire un lavoro avrà assunto qualche caffè in più, quanti genitori stanno li a guardare il proprio figlio sperando che diventi un campione. Quando giocavo a basket, di fialette ne giravano anche in promozione. Correre per ore e ore, se non si è sorretti dall'aiuto dello psicologo (se il coni è + vecchio del concistoro secondo vuol dire che siamo dei rincoglioniti) non è facile. Certo l'hai scelto lui, ma si è fatto del male e ne pagherà solo lui conseguenze. I nostri Ladroni che stanno a montecitorio non pagano, ma te la fanno pagare. Sai quanti esclusi per doping ci sono stati degli altri paesi?? decine e decine. Nella finale dei 200 m donne, c'era un atleta sospesa per due anni (doping) oggi ha vinto l'argento. Quindi, i signori giornalisti dovrebbero parlare più dei preparatori delle giovanili che danno le "bombette" ai ragazzini e non di un ragazzo che ha fatto + km della mia golf tdi per prendersi una medaglia meritata a pechino e viveva (da solo) lo spettro di non poter essere più protagonista. La Minetti in moto con Corona (senza casca) sul corriere.it?? a mio figli do un calcio nel culo se non mette il casco!!!
    Eolo

    RispondiElimina
  16. tutto vero e condiviso eolo, calci nel culo compresi, ma per noi i giornali esteri ed i giudici sportivi ( come ha giustamente dichiarato una vanessa ferrari in lacrime )hanno "un occhio di riguardo ". tutto qui.
    brontolo

    RispondiElimina
  17. Mostriamo quel che c'e ' di buono caro Brontolo! I capelli di Berlusconi ormai han rotto. Nello sport, ho sempre pensato che unua buona parte di artriti e giudici sono un po' invidiosi di non esser riusciti loro a far qualcosa di buono nello sport! Quelli che vincono al massimo fanno il commento tecnico su SKY sport! Eolo

    RispondiElimina
  18. Cari Eolo e Brontolo mi avete tenuto compagnia stasera mentre aspetto che la Creatura rientri dalla sua prima festa in spiaggia. Mi pare che le vostre argomentazioni siano condivisibili e mi pare anche che i metodi educativi (per la piccola di Brontolo e per il figlio di Eolo) siano ispirati al metodo Montessoriano :) Ehm, una domanda, ma che ne pensate della ricetta? ;)

    RispondiElimina
  19. grande amp!!! hai perfettamente ragione :) purtoppo per me, non amo consumare frutta manipolata, non sono in grado di esprimere pareri su questa tua ricetta che, comunque , immagino deliziosa come tutte le tue elaborazioni.
    p.s. ho deciso tantissimi anni orsono che non avrei mai usato metodi educativi violenti con la mia cucciola. le esortazioni pedestri erano indirizzate alle minetti, ai corona e a tutta la malagenia di italioti( politicanti e non ) che ci rappresentano agli occhi del mondo.
    un abbraccio, brontolo

    RispondiElimina
  20. La tua cucina è sempre così "emozionale". Lo sgombro, pesce povero (come lo chiamano i pirla) è delizioso e in questo periodo rincorre le sardine a branchi ed è delizioso, anche saltato senza olio e ci stato con la mela. Una mela al giorno. Lucchetta (pallavolista) alla trasmissione rai: "in Cina ci sono aspirine che sono avanti rispetto ai controlli"... meditare. Se ci fosse qualche sportivo che vuol fare outing qui dentro, o aspettiamo. eolo

    RispondiElimina
  21. http://thoughtcatalog.com/2011/dont-date-a-girl-who-reads/
    Pensando alla frase di tua figlia su Kafka. Secondo me è un pezzo da prendere ironicamente, comunque, non sul serio come hanno fatto tanti.

    RispondiElimina
  22. veramente bella, e splendido il post

    RispondiElimina
  23. @Brontolo, la tua cucciola è fortunata ad avere un papi come te :)
    @ciao Eolo! Le aspirine cinesi ci fanno un baffo con questo sgombro!
    @Ciao Pellegrina, e grazie per la segnalazione. L'ho girata anche ad Enrica.
    @Ciao Alessandra, grazie di cuore!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!