Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

Petra, la farina che uso

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Pasta risottata alla milanese con zucca sfatta (perchè per essere un foodies ci vuole un fisico bestiale!)


Aver letto i numeri riportati dal Corsera, mi ha dato materiale sul quale riflettere. 
Come estremamente importante è stata la lettura dei post scritti dalle persone coinvolte al Salone del Gusto da Gente del Fud

Emozione, è la parola che si legge più di frequente. 
Stupore, dinnanzi ad un esempio unico di organizzazione svizzero-partenopea che in 5 giorni ha spadellato 1428 piatti di pasta.
Ricerca, perché se per abbinare la camicia ad un paio di pantaloni ci si mette del tempo figurarsi cosa vuol dire abbinare un ingrediente ad un altro (grammatica dei sapori docet).
Tempo, perché gli ingredienti scelti non sono l'esito di masturbazioni mentali di gastrofighetti ma  curiosità di gastrogaudenti.
Entusiasmo, per girare ore e ore carichi di borsine e borsette contenenti di tutto, carichi come un cammello (lui però già abituato a temperature sahariane).
Passione, che giustifica quanto sopra riportato e una sola consapevolezza: per essere un foodblobber (o foodies?) ci vuole un fisico bestiale. 

E ve lo dimosterò.


Ci vuole, scordavo, anche un certo senso dell'ironia, perché se Gente del Fud (e quindi Pasta Garofalo) ti coinvolge nella preparazione di un piatto e tu, nell'entusiasmo di partorire qualcosa di unico, proponi un risotto, ecco, diciamo che ci vuole davvero un dna condito con un bel po' di umorismo.
Con Francesca Mezzadri abbiamo quindi elaborato il piatto che è stato poi presentato al Salone del Gusto: numerose telefonate, sms ed email per giungere ad un risultato che poi ha avuto bisogno di una decina di giorni di silenzio fra meditazioni e prove provate.

Il tema era molto semplice: unire la tradizione gastronomica di due regioni senza stravolgere appunto una certa grammatica dei sapori (nel nostro caso Lombardia e Veneto), coinvolgere dei produttori locali di eccellenze o addirittura di presidi, personalizzare un po' il tutto  e fare in modo di poter replicare la ricetta nei tempi di uno showcooking e per un certo numero di persone (ma senza l'aiuto dei cuochi e della brigata onnipresente nello stand Garofalo tutto questo non sarebbe riuscito).


Cosa c'è di più lombardo di un risotto alla milanese? E cosa c'è di molto veneto in un ortaggio come la zucca (coltivata negli orti marinanti di Chioggia e in quelli veneziani di Sant'Erasmo)? Il fascino di Venezia sta anche nella contaminazione della sua cucina dovuta sia ai traffici commerciali con l'Oriente che alla presenza importante del Ghetto Ebraico. Oriente quindi spezie. Quindi Zafferano e Cannella.

Entrambi i piatti, sia il risotto che la zucca sfatta, sono piatti di recupero, quelli l'inventiva contadina che fa le nozze con i fichi secchi, riuscendo a  trasformare pochi ingredienti in un piatto strepitoso. L'idea del risotto poi non ci aveva abbandonato del tutto: "perchè non risottare della pasta?" Perfetto, e "la risottiamo con un brodo come si deve il cui grasso renderà il piatto finale lucido e voluttuoso".


"E che pasta scegliamo?" Non si è trattata di un'elucubrazione da gastrofighetti perché il motivo conduttore nella preparazione di questo piatto, subito dopo la regionalità e l'eccellenza dei prodotti da utilizzare, stava proprio nel "piatto da recupero, "povero" e quindi bisognava utilizzare una pasta che avesse questo tipo di requisito. Caratteristiche tipiche della pasta mista, quella che ognuno di noi ottiene autarchicamente dopo aver pulito la dispensa e aver unito 12 fondi di sacchetti di pasta dalle molteplici forme e dai diversi tempi di cottura (per cui ci vuole un cronometro da centometrista per poter spadellare un piatto cotto a puntino!).

"Giorgio, Emidio, ecco il nostro piatto: Pasta risottata alla milanese con zucca sfatta!"
"Ok, procediamo con l'acquisto degli ingredienti".

E poi non venitemi a dire che per essere Gente del Fud non ci vuole un fisico bestiale!

 ...e anche questa è andata... ;)


Pasta risottata alla milanese con zucca sfatta alla veneziana (release 2.0)


Ingredienti (per 6-8 persone)
500 gr pasta mista Garofalo, 400 gr di polpa di zucca, 2 scalogni, 2 cucchiai di pinoli, 2 cucchiai di uvetta, 2 bustine di zafferano in polvere, qualche pistillo, una stecca di cannella e un po' in polvere, brodo di carne (tasto, campanello, guancia, un pezzo di gallina, una carota, una gamba di sedano, una cipolla steccata con 6 chiodi di garofano, 3 bacche di ginepro, una foglia di alloro fresco), 2 cucchiai di midollo, sale, pepe nero macinato al momento olio evo.

Procedimento
Tostare i pinoli e mettere in ammollo l'uvetta.

Tagliare gli scalogni sottilmente e farli appassire nella cocotte Staub con un po’ di olio evo, unire la zucca, mezzo mestolo di brodo, la stecca di cannella, mescolare e continuare le cottura a fuoco dolce e coperto per circa  15’: la zucca dovrà risultare spappolata ed asciutta. Togliere la cannella e mettere da parte un paio di cucchiai di polpa per la decorazione finale.

Unire il midollo tritato, mescolare bene e cucinare per 5’. Unire lo zafferano e qualche mestolo di brodo fino ad ottenere un brodo colorato, profumato e senza grumi, i pinoli tostati e l'uvetta ammollata. Regolare di sale ed unire la pasta cucinandola come se fosse un risotto ed unendo del brodo caldo durante la cottura (attenzione che ci vorranno almeno 12-14').

Controllare la cottura della pasta, far riposare coperto per 1' e servire con una macinata di pepe nero lungo, decorando il piatto con una quenelle di zucca sopra la quale adagiare qualche pistillo e un sospetto di cannella in polvere.


 Prova del nove casalinga con la cocotte Staub.

10 ingredienti:

  1. Fantastica !!!! Un vero capolavoro !!! Sei troppo brava... Ho riaperto il mio blog, se ti va di venire a trovarmi sei la benvenuta ... ARCHITETTANDO IN CUCINA ... un bacione e complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina, bentornata! E grazie per i complimenti che devo dividere con Francesca :)

      Elimina
  2. Non è giusto, proprio oggi che non riesco a fare la spesa e la zucca è finita!!! è un piacere leggerti, come sempre, anche se il sabato mattina i grastrOrsi non leggono molto le pagine di internauti golosi! voto9,5
    Eolo

    RispondiElimina
  3. Grazie Eolo, il tuo voto e' troppo indulgente. Ma appena potrai fare la spesa e ti verra' voglia di replicare la ricetta voglio proprio sapere come ti e' venuta! Buon we.

    RispondiElimina
  4. In assoluto una di quelle che mi ha fatto impazzire più di tutte...e ti garantisco che nei miei due giorni non mi sono risparmiata...al polso avevo tutti i braccialetti possibili ed immaginabili! Brava, brava, brava...mille volte brava! :-)
    ...non ho il coraggio di provare a farla..so già che non sarebbe la stessa cosa...
    quel profumo di cannella...un tocco di classe che ho gustato fino all'ultimo granello!!!

    RispondiElimina
  5. Annaly, troppo buona :) sono felice ti sia piaciuta la nostra proposta: e' stato un lavoro di squadra, anzi di brigata, per cui le fatiche condivise vengono addolcite dagli apprezzamenti ricevuti! Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  6. Tra vellutate e paste risottate, sono diventato il più gran consumatore di Zucca del triveneto, colpa di queste ricette incredibili! Scirocco e libeccio de piova riempi il secio! Eolo

    RispondiElimina
  7. Ciao Eolo! Altro che scirocco e libeccio! In questi giorni bora e tramontana..e neve! Per cui zuppe e minestre a go-go!

    RispondiElimina
  8. Ottimo blog! Complimenti!

    http://www.ricette-dolci-ricette.com
    http://www.le-ricette.it

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!