Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Natale che Passione! I dolcini delle feste da regalare e regalarsi



Cosa c'è di più bello di vivere di passione? E cosa c'è di più bello di riuscire a trasmetterla?
Il mio cammino personale attraverso il cibo e la storia che esso racconta - da quando la mela (melagrana) è andata per traverso ad Adamo - da qualche tempo a questa parte mi ha fatto uscire dal web per comunicare, e condividere, parte degli step raggiunti.

Alcune delle persone che mi leggevano o che avevano assistito alle serate gastromusicali mi posero la tipica domanda "ma fai dei corsi?" e la successiva organizzazione e collaborazione con scuole di cucina diverse è diventata quasi naturale. E quello che pensavo potesse essere un momento quasi di relax mi sono resa conto essere invece un momento di profonda riflessione e studio: il web, le edicole, le librerie e la tele sono piene di ricette. Cosa volevo e soprattutto cosa potevo comunicare di diverso?
Me stessa, non c'era altra soluzione. E comunicare "me" attraverso un tema specifico significa ogni volta rimettere in discussione quanto si sa o, meglio, quanto si pensa di sapere perché le platee diverse che si vengono a formare ad ogni corso sono di volta in volta delle "prove del 9" dove tu, facente funzione docente, non devi limitarti a trasmettere una ricetta o una tecnica di cucina. Sarebbe troppo semplice. Devi aprire il tuo cuore e la tua mente e consegnare a piene mani quello che li fa vibrare entrambi perché solo così, solo con la condivisione di questo "calore", si raggiungerà il risultato non solo di portare a casa un fascicolo zeppo di ricette e di appunti ma anche la voglia di riprovare tutto, di andare alla ricerca di spezie da annusare e di combinazioni "insolite" da inventare.

Tutto questo io lo sto vivendo grazie ad una lettrice che poi è diventata un'amica. Si chiama Cristina ed è una di quelle donne che se messe di fronte alla cocaina sarebbero in grado di eccitare lo stupefacente: è sempre in movimento, mente e corpo ed è una di quelle persone che sorride con gli occhi.
Insieme abbiamo organizzato delle serate didattiche (grazie anche all'appoggio logistico dei pazientissimi ragazzi dell'Enoteca Trattoria Schiavon) che sono diventate dei momenti anche ludici e lo testimoniano le foto scattate dove tra grembiuli e ingredienti (perchè sono quei momenti in cui diventa "obbligatorio" mettere le mani in pasta) ci sono sempre volti sorridenti e battute. E abbiamo fatto mettere le mani in pasta anche a bimbi di 7 anni....ma non so se ci siamo ancora riprese del tutto :)
Cos'è che mi fa sentire appagata e felice dopo una giornata così intensa e che necessita davvero di molte energie? Il saluto, il bacio e l'abbraccio di ragazze che mi dicono "Bellissima serata, mi sono davvero divertita".

Quelle di seguito riportate sono le ricette che abbiamo preparato per Natale: due serate dedicate al confezionare con le proprie mani di piccoli "Bisquit Cadeaux", un pensiero dolce o un dolce pensiero da donare a quelle persone che incontriamo tutti i giorni e con noi condividono una certa fatica nel vivere la quotidianità. Un modo diverso per dire "e' Natale e ti ho pensato".

Per non assuefarsi, non rassegnarsi, non arrendersi, ci vuole passione. Per vivere ci vuole passione.
Oriana Fallaci

Biscotti alle arachidi
Ingredienti (per circa 20 pezzi)
175 gr di farina Petra5, 100 gr di burro chiarificato, 50 gr di zucchero semolato, 100 gr di zucchero di canna grezzo, 1 uovo +1 tuorlo bio, ½ stecca di vaniglia, 1 cucchiaino raso di lievito in polvere, 75 gr di arachidi non salate, un sospetto di peperoncino e di cannella se graditi.

Procedimento
Lavorare a crema il burro morbido con gli zuccheri, sbattere appena l’uovo ed unirlo un po’ alla volta all’impasto ed infine, sempre mescolando, i semini della vaniglia (e le ulteriori spezie se gradite). Unire successivamente, sempre poco alla volta e con movimenti dall’alto verso il basso e con l’ausilio di una spatola, la farina setacciata con il lievito ed infine le arachidi tritate grossolanamente, mescolando delicatamente.

Coprire una leccarda con della carta forno e con l’ausilio di un cucchiaino versare tanti mucchietti distanti circa 5cm l’uno dall’altro e dai bordi della placca (avendo un po’ di lievito l’impasto crescerà durante la cottura).
Cucinare nel forno già caldo a 180° per circa 10°, fino a quando saranno dorati.

Sfornarli, lasciarli raffreddare sulla leccarda per circa 5’ e disporli sopra un vassoio freddo fino a completo raffreddamento. Confezionarli in un sacchettino o in contenitore in vetro o di latta come regalo. 


Cioccolatini alle mandorle
Ingredienti (per circa 20 pezzi)
140 gr di mandorle a lamelle, 3 cucchiai colmi di zenzero candito tritato (o i canditi che preferite), 100 gr di panna, 160 gr di cioccolato fondente, 40 gr di burro, 40 gr di zucchero a velo, zenzero candito e zucchero per decorare

Procedimento
In una padella antiaderente far tostare le mandorle fino a quando non saranno dorate.
Portare a bollore la panna, togliere dal fuoco, contare 30’, riportare a bollore e mettere da parte unendo, subito, il burro a tocchetti, il cioccolato tritato, lo zucchero a velo. Mescolare bene con un cucchiaio di legno fino a quando gli ingredienti saranno completamente amalgamati e sciolti: la crema dovrà avere una consistenza liscia ed omogenea.
Quando sarà tiepida unire le mandorle a lamelle e lo zenzero candito mescolando delicatamente. Aiutandosi con due cucchiaini versare piccole quantità di impasto in piccoli pirottini da pasticceria per cioccolato e farli raffreddare in frigo per almeno un’ora. Servire decorando con zucchero semolato colorato e comporli in una piccola scatolina di cartone un po’ grezza e con un nastro di rafia così da fare contrasto con l’eleganza del dolcino.


Pandorini al lime ( o al limone se non siete temerari)
Ingredienti (per 4-6 persone)
120 gr di burro a temperatura ambiente, 110 gr di zucchero, 2 uova, 110 gr di farina 00, 1 bustina di lievito per dolci, 1 cucchiaio di scorza di lime (limone) grattugiata con la microplane, burro e farina o spray staccante per gli stampini, zucchero a velo per la decorazione (cannella o cumino se avete voglia di speziarli un po’ e un cucchiaio di rum se venisse voglia di un cocktail soffice:)



Procedimento
Montare il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema chiara, unire le uova una alla volta e mescolando continuamente. Unire la farina setacciata con il lievito ed infine la buccia di lime (o limone) e versare il composto in stampini scanalati ad anello.
Cucinare i pandorini nel forno già caldo a 160° per circa 45’ se la prova stecchino lo restituirà asciutto saranno pronti altrimenti avranno bisogno di qualche altro minuto di cottura.
Sformare i pandorini, disporli a raffreddare sopra una gratella e completarli con un po’ di zucchero a velo. Si conservano in contenitori a chiusura ermetica per circa 4 giorni e possono essere usati anche come deliziosi segnaposti per le tavole delle festività imminenti.


Scorze d’arancia glassate
Ingredienti (per 6 persone)
500 gr di arance bionde non trattate, 350 gr di zucchero.

Procedimento
Lavare accuratamente le arance utilizzando uno spazzolino, asciugare bene e con un coltellino affilato tagliare le scorze da spicchi facendo attenzione a non asportare alcuna parte di albedo, ovvero l’intero amarotico bianco degli agrumi.
Riempire una pentola capace d’acqua, portarla ad ebollizione, tuffare le scorze nell’acqua bollente e lasciarle per circa 10’ o fino a quando si saranno ammorbidite. Lasciarle asciugare sopra una gratella e poi tagliarle a filetti larghi ½ cm.
In una casseruola in ghisa di base larga preparare lo sciroppo: sciogliere 250 gr di zucchero in 1,5 dl di acqua e far cucinare a fuoco basso fino alla comparsa di bollicine sulla superficie.
Immergere ora i filetti di scorza d’arancia e farle candire per circa 30’ o finchè le scorze non avranno assorbito completamente lo zucchero. Far raffreddare sopra una gratella e passare poi le scorzette sopra lo zucchero semolato rimasto. Confezionatele in piccole scatole di cartone con eleganti fiocchi in raso colorato.


Scorze d’arancia al cioccolato
Ingredienti (per 6 persone)
4 arance non trattate, 200 gr di zucchero, 100 gr di cioccolato fondente fra il 54% e il 65%.

Procedimento
Lavare le arance. Eliminare le due calotte e pelarle a vivo e tagliarle in quattro quarti. Tagliare le scorze a bastoncini di ½ cm di larghezza, porle in una pentola e coprirle di acqua fredda. Portare ad ebollizione e scolare, ripetendo l’operazione per altre due volte avendo l’accortezza di cambiare l’acqua ogni volta.
Mescolare 2,5 dl di acqua con lo zucchero e le scorzette: portare ad ebollizione e cuocere fino a quando tutto lo zucchero non sarà evaporato.
Lasciar asciugare e raffreddare sopra una gratella. Nel frattempo sciogliere il cioccolato a bagnomaria ed immergere le scorzette una alla volta fino al metà altezza. Adagiarle su carta da forno e lasciar solidificare il cioccolato. Potete confezionarle con un bicchierino in cristallo, di quelli indicati per gustare un vino passito, ottimo abbinamento di questo mix di profumi cari alle divinità antiche e rubate ad Era da Ercole per farne dono agli uomini.

Torroncini morbidi
Ingredienti (per 10 persone)
450 di miele d’arancio, 500 gr di mandorle tostate, 250 gr di zucchero, 80 gr zucchero a velo, 3 albumi, 20 di gr pistacchi tritati, 200 gr di cioccolato fondente (55-60%)

Procedimento
Mettere a cuocere il miele a bangomariaper circa 30’, mescolando sempre con un cucchiaio di legno, incorporare gli albumi montati a neve ben ferma e, dopo circa 10 minuti, aggiungere lo zucchero. Continuare a cuocere per altri 15’ e fuori dal fuoco unire le mandorle tostate (raffreddate).

Amalgamare bene il tutto con i pistacchi tritati e stendere l’impasto sopra un foglio di carta forno spolverizzato di zucchero a velo. Modellare lìimpasto formando un quadrato dello spesso di circa 1,5 cm e lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta freddo, tagiare l’impasto in tanti piccoli parallelepipedi e immergerli in un pendolino dove si sta sciogliendo il cioccolato fondente a bagnomaria. Con l'apposita forchettina estrarre i torroncini, adagiarli sopra un altro foglio di carta forno, lasciarli raffreddare e confezionarli in scatoline o sacchettini trasparenti.

6 ingredienti:

  1. Ma le mandorle dell'ultima ricetta, quanto devono essere? Forse 500 gr...?

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania! Si, hai ragione. A forza di prove e modifiche gli zeri sono rimasti nella bastardella :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Mamma, sorella e nipoti tutti davanti al tavolo domenica pomeriggio, i dolci di qb saranno al centro della riunione familiare, peccato non poter partecipare ai tuoi corsi, se dal web traspare questa passione che sembra d'esser li. Sotto l'albero c'è una lettera per Babbo Natale, saper cucinare come qb!, basterebbe un decimo! Merry C. Eolo innevato!

    RispondiElimina
  5. Grazie Eolo. E se anche attraverso il web traspare questa passione allora vuol dire che e' stato fatto un buon lavoro! Auguri di cuore anche a te ed alla tua famiglia.

    RispondiElimina
  6. interessantissime quanto semplici le scorzette candite...pensavo fosse più complicato farle!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!