Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Le ciliegie nel clafoutis quasi integrale e quattro chiacchiere sulla quasi privacy

“Altolà! Chi va là! Amici o nemici?”
“E ti pare che ti vengo a dire se sono un nemico?”
“Amici o nemici?!”
“Parenti. Può andare?”
“Ma perché con te non si può mai parlare seriamente delle procedure di sicurezza? Ma non ti rendi conto che siamo spiati! Che non c’è più privacy per niente? Niente!
“Beh, se ogni volta che vai in bagno clicchi Foursquare mi pare il minimo che la tua privacy finisce dove inizia lo sciacquone…..”
“Scherza, scherza. Non ti ricordi il film “Nemico Pubblico”? Finiremo così, finiremo, con gli agenti in completo Armani che ti ravanano la vita con il satellite!”
“Basterebbe non usare lo smartphone, per esempio, evitare di girare nelle città che sono tappezzate di telecamere, usare solo contanti, fare la spesa nei mercati di provincia e non nei supermercati, spostarsi in bici in vecchie strade bianche evitando l’autostrada e le automobili con geolocalizzatori. Niente wifi, niente internet, niente social. 
Una bella, tranquilla e piena di privacy vita anonima.”
“Ma non posso….cioè, come faccio?”
“Come si faceva una volta: invece di scattare le foto con il cellulare e poi postare le immagini su twitter, facebook, instagram, pinterest vai in una cartoleria, cerchi una cartolina e poi la spedisci all’amico che preferisci…”
“Una cartolina alla volta, sai quanto ci metto! Con un post raggiungo migliaia di persone in meno di un minuto! E poi le autostrade le hanno costruite per velocizzare gli spostamenti e le carte di credito servono per acquistare libri su Amazon. E chi ha tempo di andare in biblioteca o in libreria? In centro poi ci metti un sacco di tempo e in questo periodo non è neppure tanto sicuro. Dovrebbero installare qualche telecamera nei punti strategici, dovrebbero!”


“Così si riprendono i cattivi…”
“Certo!”
“E anche buoni, naturalmente.”
“Male non fare paura non avere!”
“Appunto, per cui se per caso ti dovessero riprendere durante un qualsiasi momento della tua quotidianità non ti darebbe fastidio. In fondo è per la tua sicurezza, no?”
“Beh, ecco…”
“Del resto, con i tempi che corrono un po’ di sicurezza in più in cambio di un po’ di privacy. Non è che ti venga chiesto tanto.”
“Ma a te non da fastidio?
“Sai com’è, la prima violazione della mia privacy è avvenuta all’età di 8 anni e da allora nulla è stato come prima…”
“8 anni?! Ma è stato quasi 40 anni fa! Non c’era nulla della tecnologia che ci circonda oggi! Cosa cavolo stai dicendo?!”
“Non ci sarà stata la tecnologia ma c’era mia sorella che con un mini cacciavite scassinò il lucchetto del mio diario dalla copertina di velluto rosso e tutte le emozioni fino ad allora vissute non ebbero più privacy. Come se non bastasse la scorsa settimana, nell’ambulatorio dove ero andata a fare delle analisi, l’infermiera per chiamarmi prima gridò un numero, poi il mio nome e infine la patologia per la quale ero lì. Con queste premesse nessuna ricetta della salama da sugo sarà al sicuro.”
“Non c’è soddisfazione a parlare con te!”
“Tieni, rilassati assaggiando questi dolcini e leggendo questo libro. L’ho acquistato in un mercatino dell’usato in una sagra parrocchiale. E’ “1984” di Geroge Orwell, un tipo che aveva già capito tutto.”


Clafoutis quasi integrale alle ciliegie
Ingredienti (per 4 pirofile monoporzione medie tipo creme brulè o 8 piccole)
300 gr di ciliegie, 1 uovo bio, 100 gr di zucchero profumato alla vaniglia, 60 gr di farina Petra9 e 60 gr di farina Petra5, ½ cucchiaino di lievito, 250 gr di latte intero crudo, sale.

Procedimento
Lavare, mondare e denocciolare le ciliegie.
In una terrina sbattere l’uovo con 80 gr di zucchero ed un pizzico di sale; unire la farina setacciata con il lievito e lavorare il composto per far amalgamare bene il tutto. Unire un po’ alla volta il latte a temperatura ambiente fino ad ottenere un composto fluido e per ultimo unire le ciliegie.
Imburrare delle pirofile monoporzione, versare il composto, livellare la superficie con una spatola, distribuire lo zucchero rimasto e cucinare nel forno già caldo a 160° per circa 35' o fino a quando la superficie non sarà dorata. Lasciar raffreddare e servire.

13 ingredienti:

  1. mi hai tenuta incollata la pc anna maria mi piace troppo come scrivi e cosa scrivi nel frattempo ammiro le tue foto da "cartolina "
    come mi piacerebbe che un giorno il postino nono mi porti solo bollette da pagare ma una bella lettera o una bella cartolina ....
    devo mi sa iiziare a spiegare ai miei figli cos'è una letterina e non solo quella per babbo natale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica! Mandare cartoline e' una cosa che mi e' sempre piaciuta: mi sento un Pollicino grafomane e lascio tracce colorate! Prova con i bimbi a far mandare una cartolina alla nonna, al papa', all'amichetto: li divertira' molto, soprattutto la reazione del destinatario :)

      Elimina
  2. c'è da riflettere eh? mi piace come scrivi...passa dal mio blog e lasciami un consiglio x migliorarlo. grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sonia e molto lieta. Sono passata a trovarti ma sinceramente nin cambierei una virgola!

      Elimina
  3. CIAO ANNA come STAI? BACIO-
    questa mattina in facebook ho trovato questa nuova invenzione ..( scoperto un nuovo modo di chattare in viva voce e vedersi in 3D- lo chiamano " prendere un caffè con qualcuno"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura! Il caffè lo porto io ed i dolcini li porti tu? ;)

      Elimina
  4. Che dire....Orwell si che ci aveva capito tutto e noi mi sembriamo tanti stupidi con manie di protagonismo...perché se non è questo, cos'è?? Che bisogno c'è di pubblicare foto su foto di figli, mariti, mogli, nonni e amici??
    Belli i clafoutis..bacio cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, esatto. Sono dell'idea che ognuno della propria bacheca puo' farne cio' che vuole ma, quarda caso, i genitori piu' talebani circa la privacy (che poi consiste nell'impedire le riprese della festa di fine anno) sono coloro i quali pubblicano l'inverosimile! Mah..

      Elimina
  5. C'è da riflettere sì... e comunque, se hai una ricetta per la salama da sugo che non vuole più stare al sicuro, me la assicuro volentieri io.
    ;)

    Bellissimi i tuoi clafoutis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulietta! Ti mandero' la ricetta vergata in grafia minuta sopra una sottile pergamena, legata alla zampina destra di un piccione :)

      Elimina
  6. quanto hai ragione... ma come si fa a evitare TUTTA la tecnologia? impossibile e ci dobbiamo convivere...
    bellissimi i tuoi clafoutis e bellissima la tua alzatina rosa :)))

    ps. 1984 e' l'anno esatto ;)

    RispondiElimina
  7. L'alzatina e' un regalo di una cara amica e ti confesso che e' l'unico oggetto rosa che abbia mai ricevuto! Ed e' davvero bellissima. Grazie per avermi corretta: alle volte non rileggo cio' che scrivo! Un bacione :)

    RispondiElimina
  8. Sei unica. Peccato che non ci fermiamo mai a pensare. Continuiamo lì a buttare immagini, foto, dettagli quotidiani ed intimi in pasto al mondo. Anche andare in vacanza potrà diventare il presupposto per ricevere sorprese non tanto piacevoli. Se ne sentono di ogni. Perché abbiamo bisogno di far sapere agli altri i fattacci nostri? Forse che non ci sentiamo vivi? O reali? O dobbiamo per forza stare "on stage"? Bisogna che ci pensi su a lungo! Ti abbraccio mia cara. Pat

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!