Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Ho fatto un quarantotto! E anche una brioche con cioccolato allo zenzero


Il mio numero è il 24. Mi è sempre piaciuto tantissimo anche quando, nella mia vita precedente, corrispondeva al numero delle righe dei fogli protocollo ed all'impostazione necessaria a stampare correttamente i fissati bollati.

L'ho sempre ritenuto un numero simpatico e quando nacque Enrica mi sentii particolarmente fortunata. Pensai "quando lei avrà 24 anni io ne avrò 48": un'elevazione all'infinita potenza di gioia, che sarebbe stata assaporata nel terzo millennio.
Ecco, quel raddoppio è arrivato e quindi, come al solito, sono andata a consultare la Smorfia la quale, al numero 48, associa "morto che parla".


Del resto 47 corrisponde a "O' Muorto" per cui si tratta sicuramente di un'evoluzione anche se è nella Matematica (con la quale ci siamo sempre rispettate negli anni ma non siamo mai entrate veramente in confidenza) che ho trovato grande conforto in quanto, il numero 48, è incredibilmente dotato di qualità: è un numero abbondante, composto, altamente confortevole, idoneo (cit. Wikipedia e Treccani)
E' anche un numero di Harshad, che in sanscrito vuol dire "grande gioia".
E' il numero atomico del Cadmio, indubbiamente altamente tossico, ma anche gentile in quanto si tratta di un elemento chimico "bianco-argenteo con riflessi azzurrognoli", come una delicata tazza di porcellana. E trova la sua massima espressione nella costruzione delle pile ricaricabili, quelle che mia mamma minacciava sempre di togliermi quando ero piccola.

Ma è nella storia che il numero 48 trova la sua massima valorizzazione, almeno nella mia memoria, perché sia durante le elementari che alle medie le interrogazioni che affrontai, proprio sui moti rivoluzionari del 1848, mi valsero un dieci con lode e un più che ottimo. Come se il fermento che attraversò i cuori e le menti dei futuri italiani  divenisse in me uguale palpitante emozione.

Da oggi sono nuovamente alle prese con un 48: chissà che voto prenderò.


Per preparare questa brioche non eccessivamente dolce ho utilizzato un cioccolato che amo molto, un prodotto del commercio equosolidale, che viene preparato con cacao bio al 70% e zenzero, entrambi provenienti dal Kerala, India, da una zona chiamata "Terra degli Dei". E' buono e siccome oramai è conclamato che il cioccolato sarà il principio attivo più usato nel prossimo futuro ho ben pensato di affrontare l'età che avanza facendo della buona prevenzione :)



Brioche con cioccolato fondente allo zenzero

Ingredienti
250 g di farina di Petra1 o metà Petra1 e metà Petra9, 6 g di lievito secco, 80 g di zucchero aromatizzato alla vaniglia, 80 g di burro chiarificato, 50 g di cioccolato bio fondente allo zenzero della Fairtrade, 50 g di latte, 2 uova bio, 4 g di sale, 1 uovo bio sbattuto oppure un tuorlo sbattuto con un cucchiaio di latte.

Procedimento
In una ciotola versare la farina con lo zucchero e il sale, in un'altra ciotola sbattere le uova e versare il latte tiepido all'interno del quale è stato fatto sciogliere il lievito e mescolare.
Versare gli ingredienti secchi in quelli umidi, mescolare bene e lasciar riposare 10’ a temperatura ambiente.
Riprendere l’impasto ed iniziare con delle pieghe per dargli forza ovvero tirando un pezzo di impasto di lato e premerlo al centro, girando la ciotola e ripetendo l’operazione per 8 volte. Coprire e lasciar riposare per altri 10’.
Riprendere l’impasto, versarlo nella planetaria con la frusta a gancio ed unire un po’ alla volta i pezzettini di burro morbido (è possibile compiere quest'operazione anche a mano). Coprire, abbattere e mettere i’impasto in frigo a riposare un’ora in modo da stabilizzarlo e far indurire il burro.
Riprendere l’impasto, stenderlo a rettangolo regolare, cospargere tutta la superficie con il cioccolato tritato al coltello, arrotolarlo strettamente e poi ancora su sè stesso a mo' di chiocciola, adagiarlo nello stampo da brioche precedentemente imburrato e tenuto in frigo e lasciarlo riposare a temperatura ambiente fino al raddoppio (almeno un'ora).
Accendere il forno a 200°, spennellare la superficie con l'uovo sbattuto e cucinare la brioche per circa 20’ o fino a quando questa sarà dorata. La prova stecchino (quelli lunghi da spiedino) aiuterà.
Capovolgere la brioche e dare un colpetto sul fondo, se suona vuota è cotta. Lasciarla raffreddare sopra una griglia e servire.

5 ingredienti:

  1. Buon 48 amica che un giorno, sei entrata della mia vita.
    Millemila auguri, e un abbraccio enorme, e grazie mille per esserci sempre.
    Auguri Carla Fracci della cucina
    Aurelia

    RispondiElimina
  2. Grazie davvero Aurelia e grazie al tuo Cuore grandissimo!

    RispondiElimina
  3. Se penso a mia figlia che di anni ne ha quasi 6, quando lei avrà 24 anni io sarò una pensionata seduta su una panchina a dar da mangiare ai piccioni!!!
    Se penso alla tua brioche mi viene un acquolina, specialmente dopo aver mangiato un'insalata scondita e qualche pezzo di schuettelbrot...sigh!!
    Tantissimi auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no Isabel! Darete da mangiare insieme ai piccioni, dopo aver fatto jogging, naturalmente! E nella tua dieta aggiungi un piccolo quadrato di cioccolato e vedrai come arriverai pimpante ai 24 anni del tuo Tesoro :)

      Elimina
  4. Salve e tanti auguri!

    Abbiamo visto che hai tantissime ricette deliziose! Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, una comunità dove i foodblogger possono condividere insieme tutte le loro ricette, gli utenti sicuramente si gusteranno il tuo blog!
    Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti, ed anche aggiungere il tuo blog all’elenco! E tutto su Ricercadiricette.it è gratuito!

    Restiamo a tua disposizione!
    Andreu
    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!