Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

"Il Natale è il fare qualcosa di extra per qualcuno." (Charles M. Schulz)

Mandlebrot ovvero i biscotti dell'ospitalità

"Per il prossimo Natale vado in Australia, vado", pensiero tipo mantra mentre riponevo tutto (rigorosamene fuori ed in giro) al suo posto.
"Per il prossimo Natale vado in Australia!", affermazione tipo slogan mentre il tutto continuava a manifestare la sua presenza lontano dal suo posto.
"Vengo anch'io allora!" affermazione tipo minaccia mentre amiche al telefono (beato auricolare) si sfogavano, cercando nelle mie battute un mix tra ricarica e consolazione.


Ed in questi giorni di festa, con il corollario di parenti ed amici in visita, non possono mancare dei piccoli gesti di ospitalità, come questi biscotti di tradizione ebraica - e privi di grassi animali così da poter essere gustati anche da chi è intollerante al latte - che ieri sono stati addirittura preferiti ai panettoni farciti (ovvero la malcelata illusione che la presenza di un'ottimo olio extravergine al posto del burro possa essere anche dimagrante).

Biscotti: unica pietanza, tra i tanti e gustosissimi piatti che hanno allietato la nostra tavola di Natale, che sono riuscita a fotografare :)


Mandlebrot: i biscotti di mandorle dell'ospitalità e della tradizione ebraica

Ingredienti
2 uova bio o 1, 125 gr di zucchero semolato, 100 gr di mandorle tritate, 6 cucchiai di olio evo, 300 gr di farina Petra, 2 cucchiai di lievito chimico, 1/2 cucchiaio di bicarbonato di ammonio, un pizzico di sale, 1 uovo sbattuto con 1 cucchiaio di acqua a temperatura ambiente, 50 gr di zucchero di canna Fairtrade con 1 cucchiaio di cannella in polvere.

Procedimento
Nella planetaria sbattere le uova con lo zucchero fino a renderle spumose, aggiungere le mandorle tritate e mescolare bene, unire l'olio evo ed a cucchiaiate la farina setacciata con il lievito, il bicarbonato e l'aggiunta di sale.
Mescolare bene fino ad ottenere un impasto compatto e dorato, coprirlo con pellicola alimentare e lasciarlo riposare in frigo per almeno 4 ore.
Riprendere l'impasto, lavorare due filoni e porli sulla leccarda, riparata con carta forno, piuttosto distanziati tra loro. Spennellare la superficie con l'uovo sbattuto e ricoprire la superficie con lo zucchero mescolato alla cannella.
Cucinare nel forno statico già caldo a 180° per 30' o fino a doratura della superficie.
Togliere la forno, lasciar raffreddare, tagliare delle fettine con un coltello seghettato e cuocere i biscotti per altri 5'-8' nel forno caldo (da non spegnere!)

2 ingredienti:

  1. Cara Annamaria,sono contenta di conoscerti, leggerti è cultura e anche sorridere e commuoversi. Grazie, ti abbraccio , BUON ANNO , Laura

    RispondiElimina
  2. @ Grazie per le tue parole Laura. Ma il sentimento è reciproco e la prossima volta ti stringerò più forte!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!