Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

La confraternita dei Gastrogaudenti


C'è una frase tipica della città nella quale sono nata, Venezia, che più di ogni altra sottolinea l'anima gaudente e scanzonata di questa popolazione: "andar par bacari". Dove per bacaro si intende il tipico bar, sconosciuto ai gastrofighetti - privo di illuminazione studiata piuttosto che di musica più o meno battuta -  all'interno del quale, per la gioia dei gastrogaudenti, si possono trovare i cicheti, ovvero piccole tentazioni gastronomiche, la cui origine si perde tra calli e campielli, tipo le uova sode con l'acciughina, le polpette di carne, il baccalà mantecato, le sarde in saor, le castraure (piccoli carciofi violetti dall'isola di Sant'Erasmo, l'orto veneziano), i tramezzini "ciompi" (gonfi, più recenti: direttamente dagli anni '50 e dalla "teraferma" ovvero Mestre), i cartocci di pesceti fritti e i folpeti  rigorosamente accompagnati dall'ombra, unità di misura alcolica locale, declinata in banco e nero (lo spritz è venuto dopo).
Il massimo che ti possa accadere, in caso di ubriachezza, è di finire direttamente nel canale più vicino, vista l'assenza di auto e bici. Ma non di etilometri! Anche nella città lagunare, infatti, prima di mettersi alla guida di un barchino sarà il caso di pensarci un po' :)



E se non piacesse il salato? Beh, ci sono i "golosessi" ovvero biscotti da intingere nel  malvasia o nello zabaione.  
Oltre ai più blasonati "lingue di gatto" e "buranei" ci sono anche i "zaeti", ovvero biscotti di farina gialla arricchiti con uvetta e profumati dalla scorza grattugiata dell'agrume preferito o dalla vaniglia. Fanno bella mostra di sè in tutte le panetterie e pasticceria della città assieme alle gigantesche "spumilie" (meringhe).



Zaeti o biscotti di farina di mais

Ingredienti
200 gr di farina di Mais Marano, 200 gr di farina Petra, 3 tuorli da uova bio o 1, 160 gr di zucchero, 8 gr di bicarbonato di ammonio, 150 gr di burro, 150 gr di uva sultanina, un limone, un bicchierino di grappa, 1 stecca di vaniglia, un pizzico di sale.

Procedimento
Nella planetaria montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere le farine setacciate con un pizzico di sale ed il bicarbonato, il burro morbido a tocchetti, i semini della vaniglia, l'uvetta ammollata nella grappa fino ad ottenere un composto liscio e sodo. Lasciare riposare almeno una mezz'ora.

Sulla spianatoria modellare dei filoncini di pasta dai quali ricavare losanghe lunghe 5/7 cm di lunghezza e di 1 cm di spessore, disporle distanziate nella leccarda protetta con carta forno e cucinare nel forno statico già caldo a 180° per 20'-25' circa o fino alla doratura.
Lasciar raffreddare in una gratella e servirli spolverati con zucchero a velo ed accompagnati da un goloso zabaione.

8 ingredienti:

  1. ok io scelgo di "andar par bacari" ho sempre voluto visitare Venezia... ancora in 24 anni non ci son riuscita.. ma poco ma sicura quando andrò verrò qui e mi farò consigliare uno di questi bar da te ^_^

    La ricetta è stupenda!! ^_^

    RispondiElimina
  2. Adoro la farina di mais e adoro questi biscotti. Ho capito bene, nella ricetta si usa ammoniaca per dolci e non lievito giusto? Mi isporano cos' tanto belli cicciottosi ^__^ Baci, buona giornata

    RispondiElimina
  3. Che buoniiiiiiiiiiiii...mi piacerebbe farli, ma io con l'ammoniaca per dolci ho un rapporto terribile...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che buoni!! E grazie anche di averci spiegato l'origine di certi modi di dire e abitudini tipiche del luogo di cui sei originaria...
    Franci

    RispondiElimina
  5. deliziosi non ho mai usato l'ammonieca nei dolci anche se in casa ce l'ho in caso di ricetta e questa sara la volta buona di poterla usare...
    baci da lia

    RispondiElimina
  6. Ma che buoni!!!! Me ne lasceresti un paio??

    RispondiElimina
  7. Finalmente la ricetta degli Zaeti che mi convince!
    Presa!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  8. @Grazie Erica e mi raccomando, non dimenticare di farmi uno squillo quando sarai da queste parti!
    @Esatto Federica, per i biscotti, in effetti, l'ammoniaca è sempre preferibile perchè li rende friabili e "morbidi" nello stesso tempo.
    @Simo, prova con una mascherina da sub. Io la trovo insostituibile quando devo lavorare tante cipolle e neppure le lenti a contatto sono sufficienti!
    @Grazie a te Francesca: credo che attorno a noi ci sono storie, luoghi, tradizioni che andrebbero condivise, perchè vere e soprattutto ripetibili da altri!
    @Ciao Lia, dimmi come è andata!
    @Zia Elle, sei sempre la benvenuta!
    @Ciao Kemi e grazie: dimmi come ti sono venuti, mi raccomando!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!