Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

Tajine di pollo profumato con carciofi e olive


In ogni famiglia c'è una Zia Maria. 
La "mia Zia Maria" è una signora di 95 anni, sorella del padre di mia mamma. L'ha amata più di una figlia, cercando di lenire il dolore della precoce assenza di Palmira, la nonna che non ho mai conosciuto.

Del resto in campagna si usava così. 
Fulcro della società un gineceo più o meno litigioso ma solidale: accoglieva le giovani mogli dei figli maschi, cresceva le figlie femmine nel timore di Dio e nell'utilità del punto croce, cercava incessantemente di "sistemare" le cugine ancora nubili a 25 anni - e quindi disgraziatamente "zitelle" -, aveva sempre un sorriso per il parente "un po' scentrato", si occupava della variopinta nidiata di cuccioli di famiglia, chiassosa e vivace, nell'incessante viavai che caratterizzava l'aia.
Quando una mucca stava per partorire i bimbi venivano allontanati perchè era "sconveniente" che le creature vedessero la "natura" della mucca, ma nessuno si sarebbe sognato di impedire agli stessi piccoli di dare l'ultimo saluto al nonno. La morte non faceva poi tanta paura. 


Zia Maria si sposò molto tardi e si dovette "accontentare" di un vedovo con un figlio adolescente; poco dopo si ammalò, fu curato con amore nonostante fosse un "foresto" e la zia rimase nuovamente sola. 
Sempre disponibile, sorridente e senza una lira: quel poco che possedeva trovava modo di condividerlo. Se qualcuno bussava alla sua porta sapeva che avrebbe trovato un sorriso, qualche verdura dell'orto, qualche uovo e - quando andava bene - anche una gallina, inseguita al grido di "se te ciapo te copo!", cosa che puntualmente accadeva.

Solo una volta vidi un atto di "intolleranza" da parte sua. Venne a trovarla una ricca signora "divorziata" (forse la prima del paese): abitualmente le portava abiti smessi che poi la zia ridistribuiva, modello Caritas ante litteram. Appena la signora uscì la zia "disinfettò" tutto con l'alcool! Maniglia della porta d'ingresso, sedia, tavolo e tazzina di caffè (ospitalità sempre e comunque) perchè "non so miga mi che roba che sia 'sto divorsio".

Ora la demenza le ha portato via il passato e reso difficile e duro il presente ma chissà perchè, quando un lampo di lucidità le illumina lo sguardo, invece di lamentarsi della malattia che l'ha resa prigioniera nel suo corpo, ti riempie il cuore con una semplice frase: "quanto ben che te vojo!".


Forse la Zia avrebbe guardato con sospetto questo piatto, una Tajine, ma se le avessi detto "guarda che si tratta di un pollo con i carciofi" l'avrebbe sicuramente gradito!

Tajine di pollo profumato con carciofi e olive

Ingredienti
Un pollo (se riusciste a procurarvelo da qualche contadino....), 8 piccoli carciofi o "castraure", 1 spicchio d'aglio, 2 cipollotti, 2 cucchiai di olive nere (del mio albero!), 1 limone non trattato, 1 cucchiaio di semi di coriandolo, 2 cucchiai di basilico fresco tritato (o menta, se preferite), sale, pepe di mulinello, olio evo, brodo vegetale o di pollo.

Procedimento
Mondare i carciofi, ridurre i gambi e tagliarli in 4 spicchi mettendoli in una ciotola di vetro con acqua acidulata dall'acqua del limone.
Nella tajine rosolare i pezzi di pollo per 5', unire lo spicchio d'aglio e i cipollotti tritati, unire il brodo fino a coprire per 2/3, coprire e cucinare per 30' a fuoco medio.
Dopo questo periodo, unire i carciofi, le olive bucherellate con i rebbi di una forchetta, i semi di coriandolo, profumare con una macinata di pepe e regolare di sale. Cucinare coperto per altri 20'.
Unire il basilico tritato e la scorza di limone grattugiata con la microplane, mescolare e cucinare per altri 2-3'.
Servire con un po' riso pilaf o del couscous profumato con una macinata di semi di coriandolo.

20 ingredienti:

  1. Ma che bei ricordi , con questo racconto ho fatto anch'io un tutto nel passato! Bella ricetta, brava!

    RispondiElimina
  2. In effetti a volte i nomi fanno pensare a chisà cosa..non ho mai provato il pollo abbinato ai carciofi..si direi che deve provare!!

    RispondiElimina
  3. lo scentrato, le zitelle...il quadretto familiare comune a noi, tutti, perfettamente descritto......che bello leggerti, Anna !!

    RispondiElimina
  4. Mi aveva incuriosito l'abbinamento del pollo con i carciofi e le olive, ma poi sono rimasta affascinata anche dal racconto...la storia di una vita semplice, ma vera! Brava...

    RispondiElimina
  5. @Grazie Clementina, grazie a te!
    @Ciao Titty e poi dimmi se ti è piaciuto!
    @Grazie Carola, sei sempre tanto cara. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. @Grazie mille Alessandra .) E ti assicuro che il piatto è davvero piaciuto :)

    RispondiElimina
  7. E per cominciare la giornata, una bella mazzata "commozionate". E adesso chi mi lustra gli occhi lucidi?

    RispondiElimina
  8. E meno male che c'è il pollo che ci tira un po' su col morale ^-^! Delizioso!

    RispondiElimina
  9. Storia bellissima e zia mitica (ne abbiamo tutti almeno una così in famiglia), ma il pollo con i carciofi in tajine mi toglie di sentimento, posso sentirne il sapore. Io, che sono carciofodipendente, ti dico STUPENDA. Un abbraccio e buon week end

    RispondiElimina
  10. @Commozionante non l'avevo mai sentito: è bellissimo. Se sei commozionata ti asciugherò i lacrimoni con un sorriso :)
    @Grazie Meg. Pensa se fosse stato un pollo catturato dalla Zia :D
    @Sai Patty che anch'io sto imparando ad apprezzare i carciofi: più li preparo più mi viene voglia di inventarne di nuovi!

    RispondiElimina
  11. Grazie Anna, risolto il problema del secondo piatto per domenica. Lo farò con il max impegno.
    Come antiapsto preparo verdure in pastella fritte?

    RispondiElimina
  12. @Ciao Lori, bene per il pranzo. Circa l'antipasto: le verdure in pastella le trovo davvero golose, mi pare una buona idea. E che ne dici dell'insalata che ho presentato un paio di post fa? Con la giornata di sole che è prevista domani dovrebbe fare ancora più festa! E magari tu lavori un po' meno :)

    RispondiElimina
  13. Cara Annamaria, leggerti mi ha portato indietro ,
    ......Ciao , ti abbraccio.

    RispondiElimina
  14. @Grazie Laura, ne sono felice. Un abbraccio forte a te.

    RispondiElimina
  15. Mannaggia a te! :') m'hai fatto venire i lucciconi con la nostra zia Maria, nostre se permetti. Quanta similitudine tra nord e sud, tra zia Maria e zia Elena, se lasciassimo fare a loro son sicuro che l'Italia sarebbe meno divisa. Vienimi a trovare su Sud Italia in Cucina http://cucinasuditalia.blogspot.it/, ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono certa Mimmo! Grazie per la visita ed a presto :)

      Elimina
  16. Dimenticavo, son capitato qui avendo acquistato una taijne per il suo fascino mediterraneo, mi sono orientato sulla tua ricetta per motivi stagionali, siamo in inverno e i carciofi li avevamo in casa, per peperoni e melanzane delle altre ricette aspetteremo l'estate. Son sicuro che sarà ottima, ho dubbi solo sulla nostra interpretazione, ciao

    RispondiElimina
  17. Il bello della "contaminazione" in cucina sta anche nella libera interpretazione, magari influenzata dal luogo di nascita o di provenienza di chi si accinge a cucinare un determinato piatto. E il Sud è il Fud del mondo!

    RispondiElimina
  18. Abbiamo rielaborato questa tua magnifica ricetta. Se vuoi darci un'occhiata, mi farebbe molto piacere un tuo parere, questo è il link: http://cucinasuditalia.blogspot.it/2013/03/tajine-di-pollo-ruspante-con-carciofi.html

    RispondiElimina
  19. Ho visto solo ora! Grazie di cuore MImmo!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!