Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Taste&Match Venezia: 8 foodblogger, 8 piatti, 8 vini. E la zuppa marinara con fave e zafferano.


Tutto è cominciato con @FernandoWine, l’account Twitter dell’enoteca online www.winexplorer.it. Un modo per farsi conoscere e stringere rapporti con appassionati di vino, amatori e professionisti. Sin dall’inizio, Fernando ha riservato un’attenzione speciale ai foodbloggers, che lui descrive come "maestri di cerimonia della comunicazione enogastronomica virtuale e alleati imprescindibili del viver bene": che cosa meglio di una ricetta originale per una buona degustazione?
Nasce così l'idea di organizzare un evento per conoscersi di persone e tradurre le proprie passioni in una festa di aromi e sapori.





Prende vita Taste&Match (#tasteandmatch), serata di abbinamenti mirati di cibi e vini con otto bottiglie d’eccezione e otto piatti creati ad hoc da altrettanti foodbloggers.

Il primo appuntamento si è tenuto il 30 ottobre 2011 a Roma dove cento persone hanno partecipato alla serata, assaggiando e degustando, con la possibilità di ricevere informazioni dettagliate sui vini in mescita e di commentare, direttamente con i cuochi, i piatti cucinati al momento. Il secondo appuntamento si è tenuto a Milano, il 28 gennaio...e ovviamente poteva il Veneto essere da meno? Assolutamente no!



Sabato 25 febbraio, presso le bellissima Villa Alberti a Dolo avrà luogo l'edizione veneziana di Taste&Match dove, dalle 19.30, suddivise in quattro isole del gusto, 8 foodblogger vi proporranno i loro piatti abbinati ai vini proposti loro da Fernando:


Zucchero e Viole (Simona Malerba) per Prosecco Colfondo (Bele Casel)
Pane e Miele (Elisabetta Tiveron) per Trioni white (Badagoni- Georgia)
la cucina di qb (Anna Maria Pellegrino) per Futurosa (Marchesi Incisa della Rocchetta)
Gustosamente Insieme (Alessandra Prizzon) per Lacrima di Morro (Conti di Buscareto)
Di Tv e Tv (Graziella Sanvitale) per Barbera d'Alba (Borgogno F.lli)
La Casetta delle Pesche (Carola Castagna) per Nobile di Montepulciano (Palazzo Vecchio)
Aroma di Casa (Patricia Butturini) per Brachetto d'Acqui (Cascina Garitina)
Dolci e Salate Tentazioni (Lorella Fabris) per Passito di verdicchio (Conti di Buscareto)



Qualche giorno fa Fernando mi ha spedito una bottiglia di Chiaretto Futurosa 2010, prodotto dai Marchesi Incisa della Rocchetta che vede nelle colline del Monferrato i vitigni di Barbera e di Pinot Nero che danno a questo vino quei sentori intensamente profumati di frutti rossi. Frutti che ben si adattano ad un piatto a base di pesce.

Mi ha confessato che è rimasto affascinato dal colore e dal sapore dello Zafferano dell'Aquila ed io, nonostante il freddo di questi giorni, sento già la primavera: così è nata questa zuppa di mare, colorata e profumata come il vino con il quale verrà presentata.

Zuppa marinara con fave e zafferano


Ingredienti
1 kg di branzino (o altro pesce a polpa bianca di mare), 200 g fave fresche, 1 carota, 1 cipolla di Calabria rossa, 2 coste di sedano, 1 cipollotto, 
2 patate a pasta gialla grandi, 1 spicchio d’aglio rosa in camicia, 1 foglia piccola d'alloro fresco, olio evo, vino bianco secco, zafferano in polvere e in pistilli, sale e pepe nero di mulinello, 3 grani di pepe nero, 1 bacca di ginepro.
Pomodorini confit e pane toscano (poco sapido) per la composizione del piatto. 

Procedimento
Pulire il branzino, squamarlo, ricavare i filetti; tagliare tutte le verdure in dadolata .

In una pentola mettere la lisca e la testa del branzino con un filo d'olio e rosolarla per qualche minuto, togliere tutto ed unire le verdure, rosolare delicatamente, sfumare con un po’ di vino, unire nuovamente la lisca e la testa del branzino, la mezza foglia di alloro, il pepe, il ginepro. Coprire con acqua fredda, portare a ebollizione, cucinare per circa 30’, schiumando la superficie.

In una padella rosolare con dell’olio evo le fave - sbollentate precedentemente in acqua salata per circa 5-6’. Lessare la patata tagliata in dadolada utilizzando un po' di fumetto di pesce, scolare e passare al  mixer. In un pentolino mettere un paio di mestoli di brodo di pesce, unire lo zafferano e far ridurre della metà a fuoco basso.

Filtrare il brodo di pesce, unire le patate e l'estratto di zafferano, mescolare bene e regolare di sale.

In una padella rosolare con l’aglio in camicia il branzino tagliato in bocconcini per max 2’.

Composizione del piatto
In una ciotola trasparente disporre le fave e i filetti di branzino, versare il brodo, insaporire con una macinata di pepe nero lungo e decorare con qualche fogliolina di timo e qualche pistillo di zafferano
In un bicchierino a parte mettete la dadolada di pane integrale resa croccante in una padella antiaderente, posizionare 2 pomodorini confit e unire un filo di olio evo.


Allora, pronti per scoprire il



a Venezia? Allora cliccate quisWinexplorer è già possibile acquistare la cena (costo 30 euro), anche telefonicamente, e visionare tutte le informazioni.

6 ingredienti:

  1. Mannaggia!!! Quella sera ho un impegno a teatro, biglietti già comprati...altrimenti sarei venuta!! Spero ci siano altre occasioni d'incontro!

    RispondiElimina
  2. fantastico evento!
    ho partecipato a Milano.. e come avrei potuto mancare.. a 2 passi da casa!
    buon cibo, ottimo vino, compagnia piacevole!un'ottima occasione per conoscersi!
    ci ho fatto anche un post! l'occasione e' stata servita su un piatto d'argento!
    perche' venezia mi e' un po' fuori mano.. altrimenti verrei!

    RispondiElimina
  3. Il Chiaretto! Ma sarebbe quello di cui parlano i romanzi inglesi del tempo andato? La zuppa la salvo senz'altro per quandi ci saranno le prime fave di stagione.

    RispondiElimina
  4. è molto interessante abbinamento food blogger e vino, mi piace la tua scelta non è facile abbinare il vino con una zuppa

    RispondiElimina
  5. E' una ricetta deliziosa, è un evento altrettanto interessante. Gli impegni presi a volte ti fanno sobbalzare e dire: "cavolo però se avessi aspettato a dire di si"...... il branzino sembra sospeso in una nuvola piena di polline di girasole.... che spettacolo.
    Eolo

    RispondiElimina
  6. Non potevo non curiosare, vuoi perché ero uno dei blogger a #tasteandmatch a Roma, vuoi perché sto cercando un Rosè per il matrimonio, vuoi perchè sono una blogger e curioso sempre :)
    In bocca al lupa e divertiti, sarà una meravigliiosa esperienza.

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!