Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

Petra, la farina che uso

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

Le stelle di Nicola Portinari e la sua cucina d'autore: una galassia di sapori autentici

Si dice che chi ben comincia sia a metà dell'opera e iniziare la settimana con una giornata full immersion nella cucina di Nicola Portinari, chef bistellato de "La Peca" di Lonigo, è un'opera intera.

E' accaduto lunedì 10 dicembre, presso la cucina didattica dell'azienda Berto's, una realtà d'eccellenza nella produzione di sistemi professionali di cottura il cui fondatore, Giorgio Berto, afferma convinto che "creare un buon prodotto non è soltanto un buon affare ma un obbligo morale".
Ecco, credo che tutto parta da qui: da una serietà estrema. E da una passione smodata per il proprio lavoro.

Dopo la visita all'azienda (che per la sottoscritta, grande appassionata di produzione industriale, è sembrato un paradiso di tecnologia, metodo, ordine, organizzazione e dalla visione di una mission ben definita) è iniziata la lezione di Nicola Portinari, accompagnato da una giovane brigata alla quale lo chef ha lasciato spesso e volentieri la spiegazione del piatto che si andava a prepare. Si respirava un bel clima, i movimenti erano precisi, mai affrettati o peggio  "coreografici", gli sguardi concentrati e le parole sorridenti.
La platea silenziosa ed attenta, tra la quale un'altro chef stellato, il giovane Piergiorgio Siviero, del ristorante "Lazzaro 1915".

Serenità, ecco il sentimento che ho respirato fin dall'inizio. E voi sapete quanto sia sempre più intollerante agli show culinari urlati, ma questo è un altro discorso.

Ma torniamo alla cucina ed all'ispirazione di Nicola Portinari ovvero "la ricerca del perfetto equilibrio tra memorie del gusto e nuove suggestioni gastronomiche". Una traccia, appunto. Cercata e lasciata, come sottolinea il nome del ristorante gestito con il fratello Pierluigi: "peca", in dialetto vicentino, significa appunto "traccia, impronta".

Si inizia con un' "Ostrica concava affinata in ghiaccio di tonica e mela verde con patate in saor" (purtroppo mi manca la foto) dove l'utilizzo dell'azoto e del sifone (grande protagonista delle ricette del corso, unitamente al sottovuoto ed alle lunghe cotture a bassa temperatura) trasforma la materia mela in un biscotto freddo e croccante sul quale adagiare l'ostrica freschissima, accompagnata da una quenelle di patata profumata con l'infusione del saor di una cipolla rossa.

Si passa poi ad un'insalata che parla veneto, con i fagioli di Lamon e il radicchio tardivo e che fa sue le influenze siciliane grazie al cuore di tonno ed alla bottarga tagliati sottilmente e completata nel gusto grazie ad un'emulsione di cipolla di Tropea grigliata e "sifonata" e ad un'incredibile gelato di Grana Padano che, abbattuto a -40, frullato e riabbattutto, ritorna nella forma a noi consueta, ovvero grattugiato, ma dalla consistenza gelata.

Cosa c'è di più semplice di uno scampo crudo e della soia?. Nulla, se lo guardiamo con gli occhi dello chef appunto che, durante una cena di gala estiva in Croazia (e quindi ispirato a quanto offre il mare e la tradizione gastronomica locale) ha ritenuto opportuno avvolgerlo con una pellicola di soia e scomporre la "busara" ovvero il sugo tradizionale con cui nell'alto adriatico si preparano i crostacei, offrendo così agli occhi e al palato una dadolata finissima di tutti gli ingredienti che compongono il colorato intingolo, compresi i capperi fritti e la polvere di datterino. 



Si prosegue con una tartare-arrosto quasi un ossimoro gastronomico ma non per la maestria di Nicola Portinari adoperata per l'"Arrosto di carne cruda, patate al rosmarino con sorbetto di acetosella, caramelle d'olio e croccante di zucchine e polenta". La spalla di manzo, macinata finemente viene profumata con gli aromi delle ossa che vengono "cucinate" come fossero un arrosto mentre la buccia della patata diventa protagonista, trasformata com'è in panatura croccante di quenelle di polpa di patate. Chiude il piatto, e il caleidoscopio di sapori, il sorbetto all'acetosella mentre le cialde di polenta cotta e lasciata seccare per lungo tempo e rese croccanti dalla frittura e le caramelle di olio sorprendono fino alla fine.

Si continua nella ricerca e valorizzazione di quanto il mercato locale può offrire come il broccolo fiolaro: un prodotto che più vicentino non si può che si veste dei colori e dei profumi della Sicilia, grazie alla carrubba con la quale vengono preparati i tagliolini e la dadolata di limone candito, tocchi di colore e di sapore che avvolgono e completano l'ostrica e i garusoli.



Il Risotto alla Pescatora, altro piatto che ognuno di noi ben conosce, diventa l'occasione per rendere palese ogni singolo ingrediente restituendogli così una dignità di sapore, compostezza e colore che la consueta cottura e mantecatura finale avrebbe tolto. Nulla è lasciato al caso come il tocco finale dato dal basilico limone e dagli asparagi di mare. Un quadro, un'esplosione di colori, un piatto dalle mille suggestioni.


Come si fa a far apprezzare al cliente un pesce considerato da sempre "troppo" grasso? Con lo studio e con la passione per il proprio lavoro che trasforma le carni dell'anguilla grazie ad una lunghissima cottura sottovuoto (preceduta da una marinatura al sale) e ad una veloce caramellizzazione finale. E le note grasse che comunque questo pesce mentalmente propone vengono "pulite" grazie al succo di melograno sferificato, alla tisana di frutti rossi ed ai lamponi disidratati.

Anche una costata di sorana si veste a festa avvolta com'è dal radicchio di Treviso e dal lardo marinato: completano questo piatto dei peperoni caramellati con un soluzione di zucchero e senape ed un pesto di santoreggia e Asiago stravecchio.


Il giusto pit-stop arriva con un Daiquiri caldo-freddo davvero delizioso che apre la sessione dolce di questa giornata-corso così ricca ed interessante.




Non guarderò più la crema brulèe con il solito sguardo dopo aver visto come lo chef e la brigata hanno saputo avvolgerla nella sottile pasta di un raviolo croccante dalla brulatura e resa più elegante dall'infusione di agrumi e vaniglia.

Come non guarderò più con lo stesso sguardo il mio forno a microonde dopo che ho visto cucinare questa "Spugna alla mentuccia romana con fragole, gelato di alloro, olio di oliva e sale nero" ovvero un pan di spagna quasi etereo nella sua leggerezza e nella sua alveatura. E l'assaggio rende ogni singolo boccone unico a seconda che si inizi con la fragola che "pulisce" l'ottimo gelato o la menta che esalta le note sapide che il sale nero in fiocchi rimanda. L'influenza della pasticceria dinamica di Corrando Assenza si nota e anche lo chef concorda con questa mia semplice affermazione chiamandolo appunto "Maestro".

Si conclude la lezione mentre il sole tramonta e la temperatura che torna a farsi frizzante non riesce a raffreddare il  mio entusiasmo e la mia emozione nell'aver avuto l'opportunità, ancora una volta per fortuna, di aver conosciuto un professionista vero, innamorato del suo lavoro e della materia prima che non smette mai di studiare. E di trasmettere con il metodo d'insegnamento più bello: la pacatezza ed il sorriso.

3 ingredienti:

  1. Il gran maestro raccontato con maestri, che dire, e' sempre un piacere legger lacucinadiqb! Anche se nevica, Eolo

    RispondiElimina
  2. Volevo dire MAESTRIA

    RispondiElimina
  3. Grazie Eolo, il merito e' tutto dell'indubbia professionalita' e passione di Nicola Portinari.

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!