Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

Le diete sono come i preliminari: da qualche parte bisogna pur cominciare. E una Tatin di roquefort e pere al cardamomo

Quanta energia si consuma facendo l'amore? Se pensate che due ore di golf fanno consumare 71 calorie mentre simulare un orgasmo convincente per 19 secondi ne fa consumare 160 capirete come il sesso sia la più piacevole, ed efficace, forma di ginnastica, che con qualche accortezza si può praticare anche all'aria aperta. Meteo permettendo.


E visto che la prova costume incombe è tempo di rompere gli indugi e di tirar fuori dalla naftalina boa pitonati, body leopardati, sete fruscianti, perizomi interdentali e con qualche esercizio di stretching preventivo e le batterie nuove alla paperella vibrante saremo in grado di affrontare la nuova dieta del prof. Richard Smith, ovvero la "Dieta punti con il sesso". 

Chi ben comincia è a metà dell'opera quindi direi di partire dalle cure personali: fare una doccia fa consumare 8 calorie - 2 in più del bagno - ed asciugarsi i capelli con il phon 3. Se invece li asciugherete con il fiato ne serviranno 348. 

Preparare la casa - sistemare i cuscini, accendere le candele, spargere qualche libro di poesie qua e là per far vedere che non vi eccitate solo con la salama da sugo - costerà 42 calorie, mentre cercare di mettere il partner a proprio agio può andare dalle 248 calorie necessarie per ascoltare Wagner alle 1573 per leggere senza pause "Guerra e Pace". Se vi dilettate con uno strumento come la tromba consumerete 26 calorie. Senza bocchino 320. 

A questo punto sarete entrati in confidenza e potrete avvicinarvi un po' di più, cercando di sedurre il vostro partner: se siete ricchi consumerete 5 calorie, mentre ne serviranno 164 se siete poveri.

Per un bacio delicato ci vogliono circa 10 calorie, 17 per uno impetuoso e 18 per uno alla francese. Se quello alla francese lo date con la bocca chiusa ne serviranno 239.
Per sfiorare il partner basteranno 10 calorie, 17 per massaggiarlo e 19 per abbracciarlo: vedete voi.


Spogliarsi in estate consumerà 3 calorie mentre in inverno ne serviranno 25. E se nella stagione fredda proverete a togliervi i collant senza esservi tolte i pantaloni consumerete ben 375 calorie. Aggiungetene 100 se ci riuscite.

Uno striptease basico necessiterà di 55 calorie, una danza del ventre 100, scoprire che il partner stava meglio vestito 10 calorie e scoprire che il partner è del sesso sbagliato 100. Se la scoperta non vi farà fare un plissè ne consumerete 1/4.

Anche il sesso orale ha la sua importanza: mediamente l'impegno richiede 27 calorie. 200 se siete molto raffreddati.
Sentimenti improvvisi ed inaspettati come l'imbarazzo o il disappunto (tipo "Tutto qui?") comportano consumo energetico: dalle 15 alle 60 calorie.

Decidere la posizione ha la sua importanza: il prof. Smith sottolinea giustamente che la Reale Accademia del Tibet ne indica più di 860 ma se avete un po' di artrite ed avete esagerato con il vino scoprirete che 859 saranno impraticabili; comunque il consumo medio va dalle 20 alle 40 calorie alle quali ne vanno aggiunge altre se farete l'amore in un posto diverso dal letto: 38 sul sellino di una Vespa, 24 in aereo vicino alla corsia e 100 nella toilette, 50 in amaca, 14 se siete in piedi dentro una cabina telefonica e 274 se siete distesi. 
Ridacchiare vi farà consumare 7 calorie, incitare il partner 22 e fargli la ola 78. 
Cambiare la posizione ve ne farà consumare 16, senza fermarvi 41. 
Le fantasie erotiche vanno dalle 15 alle 35 calorie.

E infine....l'orgasmo! Reale 27 calorie, simulato 160. Subito prima 500, subito dopo 1/4.
E può capitare di addormentarsi: se avviene dopo aver fatto l'amore consumerete 18 calorie, durante 32. Se vi addormenterete in cucina, 5 calorie.

La pulizia è una forma di virtù: se vi viene voglia di farvi una doccia dopo consumerete 7 calorie da soli, 12 con il partner, 187 se la caldaia va in blocco.

L'equipe del prof. Smith sta approfondendo i calcoli circa le calorie necessarie a due diverse esperienze erotiche: il sesso di gruppo e il Tupperware party. Sembra che il consumo sia equivalente.


E dopo tutta questa bella fatica che ne dite di premiarvi con un piatto un po' sfizioso e sicuramente appagante? Anche perché ultimamente ho ben focalizzato le mie zone erogene: le papille gustative e il terzo ripiano del frigo.



Tatin di roquefort e pere al cardamomo



Ingredienti (per 6-8 persone)
Per la farcia: 6 pere kaiser o abate, 350 gr di zucchero semolato, 50 gr di burro salato, 100 gr di Roquefort, 2 cucchiai di mandorle a lamelle, 10 semi di cardamomo.
Per la brisè: 200 gr di farina, 100 gr di burro, 40 gr di acqua fredda, sale.

Procedimento
In una ciotola unire la farina, il burro a tocchetti, l'acqua e il sale ed impastare velocemente fino ad ottenere una palla liscia; appiattirla, inserirla in un sacchetto di plastica e lasciarla riposare in frigo per 30'.
Sbucciare le pere. In una casseruola in ghisa unire 200 gr di zucchero, 100 gr di acqua, i semi di cardamomo, le pere intere e cucinare per circa 20' o fino a quando saranno morbide ma non sfatte.
Abbattere la temperatura, tagliarle in quarti, eliminare il torsolo.
Nello stampo da tatin sciogliere 150 gr di zucchero fino ad ottenere un caramello scuro; lontano dal fuoco unire e sciogliere con un cucchiaio di legno il burro salato e disporre con la parte bombata verso il basso le pere. Sbriciolare sopra il roquefort.
Stendere la brisè ed ottenere una sfoglia un po' più grande dello stampo, ricoprire le pere, "rimboccare" la parte eccedente, bucherellare la pasta con una forchetta e cucinare nel forno statico già caldo per circa 30' o fino alla doratura della superficie.
Sfornare, attendere 5', ricoprire con il piatto dello stampo da tatin, rovesciare la torta, lasciar raffreddare, servire decorando con delle mandorle a lamelle e accompagnandola con una fresca misticanza.

18 ingredienti:

  1. Ciao Stella! In effetti e' un po' insolita :)

    RispondiElimina
  2. Ringrazio il cielo che esisti, e che mi metti sempre di buonumore!!! Riesci sempre a farmi ridere di gusto, sei una scrittrice nata, o mia dolcissima chef :))
    hai saltato alcuni posti insoliti, dove fare sesso, quando ci vediamo, ti faccio un riassunto :)))
    Un bacione,e se mi assicuri che quel formaggio verdastro e puzzolente, non si sente molto, dopo la cottura ...ci posso anche provare a riproporre la ricetta :))
    Bacio
    Aurelia

    RispondiElimina
  3. Ciao "Cuore"! Alla fine credo che cucinare sia una scusa per scrivere ed ogni buon scrittore si deve documentare per cui non vedo l'ora di intervistarti! Circa la torta potresti provare a sostituire il roquefort con il gorgonzola :)

    RispondiElimina
  4. A parte ogni commento sulle tue letture, qualche considerazione: urgono lumi sulle modalità di misurazione calorica diciamo del bacio alla francese, per restare nel lecito; non so se Roberto vada in giro allupato con un calorimetro o se sia in soffitta a cercare boa di struzzo o se abbia riabbracciato quel suo vecchio progetto con la Legione Straniera (un po' rudi forse, ma sembra che la cucina sia estremamente basica); finalmente capisco cosa avrai mai da fare per non scrivere mai uno straccio di articolo per BlogVs; ma se uno non ha nemmeno una planetaria, come potrebbe mai abbattere una pera?; ingolosito, mi chiedo a cosa serve essere un grande amico della cuoca se non ricevo mai campioni della sua produzione?; ma soprattutto – anche se non sono sicuro di volerlo sapere – cosa sarà mai la paperella vibrante?

    RispondiElimina
  5. Emanuele, le tue critiche sono sempre costruttive. L'idea della Legione Straniera mi piace molto dove ci si potrebbe specializzare nel raffreddare le pere nel ghiaccio (tipo un bagnomaria). Appena ci vedremo ti porterò una fetta di torta e una paperella vibrante ;D


    RispondiElimina
  6. allora, tanto per cominciare e come ben sai dalla mia predisposizione naturale (ricorda quella magica notte in albergo cara Annamaria!!!) (chissà cosa penseranno!) io aprirei un forum (che non mi si fraintenda!) sulla questione.
    IO sono a dieta, quelle normali però. IN quanto stando alla dieta del dott. Smith da me messa ampiamente in pratica (sono povera, uso le calze per di più elastiche, abbraccio impetuosamente, baci internazionali,danza del ventre, suono la tromba in prevalenza con la farina, e poi ola a morire), non ho ottenuto alcun risultato.
    l'unica speranza mi resta leggere per due volte senza respiro Guerra e Pace.
    E per le paperelle riconvertiamole in cucina.
    AnnaMaria, qui bisogna rincontrarsi di nuovo. E la prossima volta invitiamo anche Emanuele.
    un abbraccio forte (così consumo anche calorie)
    Anna

    RispondiElimina
  7. E scusa annamaria, ma volutamente non ho commentato la ricetta, ma non si può lasciare a questo post un commento dedicato SOLO a questo senza considerare TUTTO il resto.

    RispondiElimina
  8. Cara Anna - ti voglio bene - ho fatto sane risate -sei troppo forte - ringrazio anch'io il cielo ..ciao BUONA DOMENICA.

    RispondiElimina
  9. Ho cominciato a leggere prendendo la cosa come una cosa "seria" e poi...ho cominciato a ridere da sola come una matta. Non so come non si sia svegliato il piccolo!!!
    sei fantastica!!!
    :-D

    RispondiElimina
  10. Ringrazio Eleonora per avermi dirottato da te...due risate rigeneranti non fanno mai male!! cri...e pure la tatin mette un certo buonumore...

    RispondiElimina
  11. Simpaticissima!! Buonissima questa torta con un classico come pere e formaggio Roquefort
    baci baci

    RispondiElimina
  12. grandiosa la ricetta e grandioso il post :D
    e non si finisce mai di imparare ;)

    RispondiElimina
  13. Urge provare tutte le soluzioni perchè astutamente hai messo le calorie di tutto...tranne che della strepitosa torta... Che a questo punto suggerisco di affrontare bendati, per godere con tutti gli....amorosi sensi!

    RispondiElimina
  14. Per ottenere qualcosa di diverso è prima necessario essere una persona diversa. Qualunque ambito della nostra vita migliora quando noi miglioriamo, ma non prima. L'ordine è sempre questo. Per cui poniamoci come prima cosa queste domande: Sappiamo riconoscere la differenza tra nutrizione e alimentazione? Come e quando scegliamo la strada della salute e del benessere? Perché poi ce ne allontaniamo? Quanto controllo abbiamo su di essa? Se il percorso intrapreso cambia, come facciamo a mantenerci equilibrati e costanti? Sono domande importanti per raggiungere il benessere, sono domande difficili se non sappiamo darci una risposta, ma la risposta c’è è qui: http://www.benessereunico.com


    RispondiElimina
  15. Bellissimo post!! Stamattina è stato come il sole! Grazie
    Robi

    RispondiElimina
  16. @Anna, ma tu sei stupenda così come sei e non vorrei cambiarti con niente! E appena tutti i nostri impegni avranno la giusta spunta ti rapirò per farmi abbracciare e preparare una torta con le mele e le tue profumate erbe :)

    @Ciao Laura, ma sai che l'altro giorno ho ripreso il libro sul tango a Venezia che mi hai regalato? Sarebbe da fare proprio!

    @Ciao Eleonora e grazie di cuore. Un bacio al piccolo ;)

    @Ciao Stefania!

    @Cristiana, benvenuta nel blog. Anche a nome della tatin ;)

    @Salve Ragazze! Ma quand'è che ci vedremo?

    @Grazie Cristina, troppo buona :)

    @Desideria! Con te dobbiamo preparare un post sulle tue scarpe ;)

    @Grazie Romeo per la sua segnalazione.

    @Molto lieta Folletto Paciugo e sono davvero lieta di averti fatto iniziare la settimana bene!

    RispondiElimina

Benvenuti nella mia cucina!