Se l'uomo è ciò che mangia, il cuoco è ciò che cucina?

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO

GENTE DEL FUD E DISSAPORE IN VIDEO
20foodblogger, 20prodotti, una passione: Pomodorino di Torre Guaceto o Cipolla di Acquaviva? ;)

la cucina di qb è anche app

la cucina di qb è anche app
per telefoni Nokia

La Cucina Italiana

La Cucina Italiana
Special Ambassador

Lettori fissi

#laprugnaincompresa nella letteratura e il Borsch di una notte di mezza estate


Eccomi con una nuova storia che ha come protagonista #laprugnaincompresa!
La scorsa settimana vi ho raccontato quanto la prugna fosse amatissima dai Romani, dai Crociati che la fecero conoscere ai Francesi ed infine di come la California divenne la sua patria elettiva.
Eppure nel Regimen Sanitatis Salernitanumo Regola Sanitaria Salernitana, un trattato in versi latini scritti all’interno della Scuola Medica Salernitana nel XII-XIII secolo, la prugna veniva definita un alimento “freddo” e quindi da sconsigliarne il consumo, essendo poco adatta a risvegliare passioni amorose. Per contro, la sapienza antica legata alle erbe officinali, riteneva che la particolare forma delle susine conferisse loro anche doti afrodisiache, tanto che ai giovani sposi veniva regalato un albero così da assicurare un matrimonio felice e fortunato.

Tante le storie, che si perdono nella notte dei tempi, attorno ad un frutto così prezioso, e non stupisce quindi che sia il cinema che la letteratura l’abbiano reso protagonista di film, poesie, fumetti e romanzi.

Il racconto più insolito è sicuramente “Pollo alla prugne”, graphic novel di Marjane Satrapi (Ed. Sperling & Kupfer, 2005), fumettista iraniana divenuta famosa con “Persepolis”, fumetto tradotto poi per il cinema, candidato al premio Oscar nel 2008 e premiato con il Gran premio della giuria al Festival di Cannes. Scrittrice sensibilissima e osteggiata dal regime di Teheran, vive e lavora a Parigi.
Ambientato nell’Iran degli anni ’50 racconta la storia struggente di un musicista iraniano che si lascia morire dopo che la moglie, in uno scatto d’ira, distrugge il suo preziosissimo strumento musicale. Lo struggimento per l’oggetto in realtà è sia il dolore per una storia d’amore mai realizzata, che per il rimpianto del passato e la necessità di trovare un equilibrio precario, in un futuro fumoso e colmo di incognite.
Il fumetto si legge tutto d’un fiato, in un rimando continuo al passato ed a quello che avrebbe potuto essere nella vita del musicista, mentre il pollo alle prugne, il suo piatto preferito perché associato alla bellezza ed alla dolcezza della donna amata, diventa improvvisamente privo di sapore, come la sua vita oramai al termine.

  

Herta Müller, scrittrice tedesca di origini romene, insignita del premio Nobel per la letteratura nel 2009, nel suo criptico “Il Paese delle prugne verdi” (Ed. Keller, 2008) utilizza la metafora mortale della prugna non matura, con un nocciolo ancora tenero e che potrebbe essere ingoiato senza volerlo, per narrare la terribile condizione in cui i giovani romeni erano costretti sotto il regime di Ceauşescu. Un romanzo allucinato, che narra il suicidio di una generazione privata di sogni e speranze, di connivenze obbligate con i servizi segreti, della lotta quotidiana alla sopravvivenza.

Decisamente più leggero ed ironico è il tono del libro “La ballata delle prugne secche” (Castelvecchi Editore, 2006) in cui la scrittrice e blogger Valeria di Napoli, conosciuta con lo pseudonimo di Pulsatilla, si cimenta in un romanzo autobiografico di crescita, ambientato in una Foggia spesso ostaggio delle tradizioni e del passato. Un’adolescente in crisi alle prese con i genitori divorziati, con amici scossi dalle stesse insicurezze ed in dieta perenne, tanto da eleggere a cibo del cuore proprio le prugne secche!

Infine un’opera erotica, per chiudere in bellezza questa breve rassegna dedicata alla prugna nella letteratura, che fu pubblicata in Cina nel XVI sec., provocando grandissimo scalpore. Si tratta del romanzo Chin P’ing Mei (La prugna nel vaso d’oro) considerato uno dei grandi classici della letteratura cinese, primo nello descrivere la sessualità in maniera graficamente esplicita. Racconta le vicissitudine amorose del mercante Hsi-Men Ch’in e del suo numeroso seguito di mogli e concubine, dalla ricchezza fino alla rovinosa caduta. 



La ricetta di questa settimana è ispirata alla gastronomia dell’Est, così ricca di sapere e di sapore.
Si tratta di un Borsch o Boršč, una zuppa invernale di origine ucraina, che prevede l’utilizzo della barbabietola. Ho pensato di trasformarla in un piatto di salute e bellezza utilizzando la prugna come elemento dolce e vellutante e la rapa per il tono di terra. Gli ingredienti vengono cotti brevemente in un vino rosso giovane ma potreste optare per una versione ancora più breve e detox, utilizzando un mixer potente o una centrifuga, quasi fosse un gazpacho.
Il Borsch si serve delicatamente speziato e con panna acida ed è buono sia freddo che tiepido.

R - Come un Borsch: vellutata estiva con prugne e rape        

Portata: primo piatto, vegan
Dosi: per 4-6 persone
Difficoltà: semplice
Preparazione: 20’
Cottura 15’

Ingredienti
200 g di prugne SunSweet
200 g di pomodorini datterini
200 g di rape precotte di Chioggia
100 g di noci pesche
100 g di susine rosse o gialle
1-2 limoni, il succo (a gusto)
1 pezzettino di radice di zenzero (a gusto)
qualche bacca di pepe di Timut
1 stecca di cannella
180 ml di vino rosso giovane, tipo Lambrusco
180 ml di acqua
sale di maldon, un pizzico

Per il servizio: panna acida (anche di soia) e qualche fogliolina di menta o timo limonato

Procedimento
Lavate, mondate e cubettate frutta e verdure (attenzione che le rape colorano le mani!).
Trasferite il tutto in una casseruola con il vino, l’acqua, il succo di limone, le spezie raccolte in una garzina pulita (così da recuperarle più facilmente in un secondo momento) e la radice di zenzero.
Portate ad ebollizione, abbassate il fuoco e cucinate coperto per circa 15’, mescolando di tanto in tanto.
Regolate il gusto con un pizzico di sale.
Togliete dal fuoco, eliminate le spezie, frullate con un mixer ad immersione e successivamente passate il composto al colino, se preferite una texure più vellutata. Raffreddate, o abbattete in positivo, e servite in ciotole individuali decorando con foglie di menta e panna acida.

Bibliografia:
Il libro degli ingredienti, AAVV, Slow Food Editore, 1997
Pollo alla prugne, Marjane Satrapi, Ed. Sperling & Kupfer, 2005
Il paese delle prugne verdi, Herta Müller, Ed. Keller, 2008
La ballata delle prugne secche, Pulsatilla, Castelvecchi Editore, 2006 


1 ingredienti:

Benvenuti nella mia cucina!